STEFANO MANFREDINI
Cronaca

Martedì l’annuncio di Fusco Mister Baldini resta in pole E i baby Peda e Prati ai saluti

Sarà un weekend di valutazioni e riflessioni partendo però dall’ufficializzazione del ds. Capitolo allenatore, l’ex del Vicenza ha sbaragliato la concorrenza di Tesser e Pedriali. I gioielli dell’Under 21 pronti per A e B: per Matteo c’è il Torino, per Patrick il Parma. .

di Stefano Manfredini

Si profila un weekend all’insegna di incontri, valutazioni e riflessioni per il direttore sportivo Fusco, il cui incarico non è stato ufficializzato ma di fatto lavora già per costruire la nuova Spal. A proposito, il giorno degli annunci potrebbe essere martedì della settimana entrante. Quello di Fusco, ma non è escluso che contestualmente possa arrivare pure la firma del nuovo allenatore. Su questo fronte, novità significative non ce ne sono. Nel senso che il candidato forte resta Francesco Baldini, mentre si possono considerare definitivamente fuori dai giochi Attilio Tesser e Massimo Pedriali. Il primo poteva arrivare eventualmente con un altro direttore sportivo, mentre non è mai stato nei pensieri di Fusco. Per Pedriali invece si è trattato forse più di una suggestione che di una possibilità concreta, e anche in questo caso il dirigente napoletano non ci ha mai davvero pensato. Per il due volte campione d’Italia under 18 si prospetta la possibilità di sedere sulla panchina della Primavera spallina, continuando a lavorare con lo stesso gruppo.

Baldini – classe 1974 con esperienze più recenti sulle panchine di Trapani, Catania e Vicenza – non è l’unico tecnico in corsa per allenare la Spal, ma al momento è sicuramente il favorito. Nel frattempo, comincia a muoversi qualcosa pure sul fronte giocatori. Per il momento solo in uscita, con i pezzi pregiati della Spal nel mirino delle società di categoria superiore. Per Matteo Prati c’è già la fila, con Torino, Sassuolo e Genoa che hanno bussato alla porta di via Copparo.

Il presidente Tacopina ha spiegato che il centrocampista romagnolo non può giocare in serie C, aggiungendo però di voler provare a trattenerne il cartellino. Naturalmente dipenderà dalla consistenza delle offerte. La novità di giornata però è il forte interessamento del Parma per Patrick Peda. In una recente intervista, il Nazionale under 21 della Polonia ha confessato di considerare finita la propria avventura in biancazzurro. Il difensore classe 2002 ha disputato una stagione tra alti e bassi, trovando una certa continuità soltanto con mister De Rossi. Un atleta di 21 anni con 34 presenze in serie B e punto fermo della Nazionale under 21 del proprio Paese però fa gola a tanti club, soprattutto considerando che il suo contratto scadrà il 30 giugno 2024. Questo significa che tra un anno la Spal rischierebbe di perderlo a parametro zero, quindi la soluzione più probabile è una cessione nella prossima sessione di mercato.

Ad una cifra comunque decisamente inferiore a quella che la società di via Copparo avrebbe potuto mirare con una scadenza più lunga. Un vero peccato, ma quando non si riesce a prolungare il contratto dei giocatori potenzialmente più preziosi questi sono i risultati. Un discorso analogo va fatto per Georgi Tunjov, anche se va detto che raramente è riuscito a lasciare il segno a Ferrara. Il centrocampista estone se andrà a parametro zero (il suo contratto scadrà tra una settimana esatta), col Pescara che sta trattando direttamente col giocatore.