Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
17 mag 2022

Monumento danneggiato, al via i lavori di riparazione

17 mag 2022
I lavori al monumento danneggiato da un fortunale
I lavori al monumento danneggiato da un fortunale
I lavori al monumento danneggiato da un fortunale
I lavori al monumento danneggiato da un fortunale
I lavori al monumento danneggiato da un fortunale
I lavori al monumento danneggiato da un fortunale

È con uno stanziamento di circa 27mila euro che è partita, ieri mattina, la riparazione e la riqualificazione del monumento ai caduti e dispersi della prima e della seconda guerra mondiale, sul Po di Volano, a Viconovo. L’intervento, programmato come riqualificazione dell’intera area, ha subìto un imprevisto quando, a inizio gennaio, un fortunale ha provocato il distaccamento di un grosso ramo che, abbattendosi sulle strutture, ha fatto crollare la colonna in marmo, sovrastata da una croce bronzea, e le lastre con i nomi dei caduti. Il crollo ha inoltre impattato sulla recinzione metallica, facendola in parte crollare. "Decisi a intervenire per la tutela del monumento, procediamo con la riparazione del danno, come sollecitato dai cittadini nel corso del nostro tour delle frazioni", spiega il vicesindaco e assessore alle frazioni Nicola Lodi. A realizzare il restauro, successivo alle opere di ripristino strutturale, sarà Natasha Poli. Come spiega Lodi, ieri sul posto, "a seguito dei danni registrati, i nostri tecnici hanno provveduto a realizzare un nuovo progetto di ricostruzione, che è stato poi vagliato e approvato dalla Soprintendenza. Parallelamente si è avviata la pratica per il risarcimento assicurativo. L’imprevisto ha innescato una complessa sequenza di interventi e operazioni che si sono aggiunte a quelle che avevamo già in programma, e darà nuova vita all’area. Stiamo infatti valutando anche la possibilità di intervenire sull’intero spazio verde". I lavori al monumento dureranno, nelle previsioni, circa tre mesi. Per prima cosa la colonna abbattuta sarà trasportata in laboratorio e ricostruita con resine epossidiche.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?