CronacaFerrara, trovato morto nel letto a 17 anni: il magistrato dispone l’autopsia

Ferrara, trovato morto nel letto a 17 anni: il magistrato dispone l’autopsia

Ieri mattina la scoperta dei genitori. Frequentava l’Alberghiero a Ferrara, amava giocare a calcio

Nell’abitazione sono intervenuti i sanitari del 118 e i carabinieri (foto d’archivio)
Nell’abitazione sono intervenuti i sanitari del 118 e i carabinieri (foto d’archivio)

Ferrara, 23 gennaio 2023 – Una tragedia. Da qualsiasi punto di vista la si consideri, la morte di un ragazzino di 17 anni è una tragedia. E qualsiasi risposta potrà essere trovata al malore che ha stroncato una così giovane vita, non sarà mai abbastanza sufficiente. Un dolore lancinante per i genitori che una domenica mattina si svegliano e trovano il figlio senza vita, nel letto dove si era coricato la sera precedente. E’ accaduto in un’abitazione di Poggio Renatico ieri mattina: a nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo provati senza sosta dai sanitari del 118 allertati dai genitori, che sono intervenuti con un’ambulanza e un’automedica.

Approfondisci:

Ferrara, morto a 17 anni: si cercano le cause del decesso ed eventuali responsabilità

Ferrara, morto a 17 anni: si cercano le cause del decesso ed eventuali responsabilità

Il giovane cuore del diciassettenne si è fermato. Nell’appartamento, che si trova in una zona abbastanza isolata di Poggio Renatico, sono arrivati anche i carabinieri, per capire i contorni della vicenda, per escludere che ci potesse essere stata l’azione di terzi.

Non c’è stata. In quelle quattro mura dove il ragazzino – studente dello Ial di Ferrara con il sogno di diventare un bravo cuoco, è stato trovato senza vita – si è consumata una maledetta tragedia. Seguiranno accertamenti, i genitori che hanno anche un’altra figlia più piccola, racconteranno più e più volte che cosa è accaduto. Pare, ma il condizionale è d’obbligo, che il ragazzino avesse accusato alcuni dolori nei giorni scorsi, ma a diciassette anni è impensabile che possa trattarsi di qualcosa di irreparabile. Il pubblico ministero di turno, Ombretta Volta, ha disposto che sul corpo del diciassettenne venga eseguita l’autopsia per capire che cosa l’ha ucciso. Se quei dolori accusati avrebbero dovuto essere un campanello d’allarme.

Risposte che devono essere cercate, certamente, e per questo è stata disposta l’autopsia, ma che non faranno tornare in vita il ragazzino e non placheranno il dolore. Chi lo conosceva lo descrive come un ragazzino riservato, molto educato, che amava giocare a calcio e che aveva il sogno di diventare un cuoco. Per questo studiava a Ferrara e aveva iniziato a frequentare la città. Ma non era infrequente vederlo tirare calci nel campetto vicino alla chiesa parrocchiale di Gallo. Il corpo è stato trasferito all’obitorio dell’ospedale Sant’Anna di Cona, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Approfondisci:

Macerata, bambina di 8 mesi muore per un’infezione

Macerata, bambina di 8 mesi muore per un’infezione