Nicole Berlusconi

Bologna, 7 novembre 2018 - Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. È con questo spirito che Nicole Berlusconi, presidente dell’associazione “Progetto Islander” e nipote dell’ex premier Silvio, è scesa in campo per salvare i 27 cavalli malati e denutriti che sono stati brutalmente abbandonati vicino al delta del Po, tra Ostellato e Comacchio. La ragazza ha parlato durante la conferenza oraganizzata da Fratelli d'Italia per il progetto di legge sulla nomina di un garante per i diritti degli animali, spiegando quanto sia grave la situazione: “Ci siamo recati sul posto venerdì all’alba, abbiamo subito trovato un cavallo che agonizzava a terra e purtroppo non siamo riusciti a salvarlo. Se solo lo avessimo saputo prima…”.

LEGGI ANCHE Cavalli Ferrara, arrivati quintali di fieno. "Ora i medicinali" / FOTO e VIDEO

NICOLE_34833517_122417

Nicole si è inoltre soffermata su come sia complicato intervenire in questi casi: “Abbiamo spesso problemi con le autorità che non riconoscono questi evidenti maltrattamenti. Vorremmo spostare
il branco ma non esistono fondi ministeriali dedicati a queste casistiche e, quindi, gli ingenti costi sono tutti a carico nostro”. Nonostante ciò, il suo impegno e la sua voglia nel salvare questi splendidi animali rimangono intatti: “Bisogna tutelarli e trovare una soluzione.

LEGGI ANCHE Nicole Berlusconi, è morto il cavallo Resilienza / FOTO e VIDEO

Prima ce la facciamo, meglio è. Nell'emergenza possiamo mettere a disposizione il nostro centro di recupero a Villanterio, ma se troviamo un altro terreno disponibile ben venga, perché abbiamo già tanti cavalli in cura. In molti ci hanno chiesto di adottare questi animali ma dobbiamo essere certo che vadano nelle mani giuste". Presto sarà lanciata anche una raccolta fondi: "La Regione ci sta aiutando, ma chiederemo aiuti per sostenere le spese".

LEGGI ANCHE Nicole Berlusconi e i cavalli abbandonati. "Nessuno ha mai fatto nulla"