Claudio Casaroli, segretario provinciale della Fimmg
Claudio Casaroli, segretario provinciale della Fimmg
di Silvia Giatti   Claudio Casaroli oltre ad essere medico di medicina generale è anche il segretario provinciale della Fimmg (Federazione italiana di medici di medicina generale) e il referente della medicina di base per il distretto centro nord dell’Ausl di Ferrara. Il focus No vax morto a Ferrara. Vermifughi e idrossiclorochina, il protocollo di Ippocrateorg Dottor Casaroli si può arrivare a morire perché ci si fida di più di ciò che si trova sul web piuttosto che di voi medici che avete studiato tanto per cercare di salvare vite umane? "Perché questi...

di Silvia Giatti

 

Claudio Casaroli oltre ad essere medico di medicina generale è anche il segretario provinciale della Fimmg (Federazione italiana di medici di medicina generale) e il referente della medicina di base per il distretto centro nord dell’Ausl di Ferrara.

Il focus No vax morto a Ferrara. Vermifughi e idrossiclorochina, il protocollo di Ippocrateorg

Dottor Casaroli si può arrivare a morire perché ci si fida di più di ciò che si trova sul web piuttosto che di voi medici che avete studiato tanto per cercare di salvare vite umane?

"Perché questi sono casi che appartengono all’imponderabile. Ci sono persone che prendono la strada sbagliata e purtroppo questo tipo di percorso può avere anche esiti infausti".

Da indiscrezioni sembra che il paziente deceduto si curasse anche con farmaci omeopatici. Che cosa pensa dell’omeopatia?

"Che è una pratica diffusa, che per certi ambiti può servire ma non è suffragata da un’evidenza scientifica tanto che non fa parte del sistema sanitario nazionale".

Qual è allora il consiglio che si sente di dare a chi si rivolge ai siti internet?

"Che bisogna evitare di affidarsi a quello che c’è sul web. Bisogna invece rivolgersi al proprio medico di famiglia".

E perché?

"Perché noi conosciamo bene i nostri pazienti e dunque siamo in grado di fornire alla persona il consiglio più opportuno".

E poi?

"Non ha nessun senso andare sul web e cercare le cure alternative alla medicina tradizionale. Le informazioni che si trovano sono tante ma serve un filtro di interpretazione che può fornire solo chi si è preparato in medicina. Serve insomma un addetto ai lavori che sappia interpretare quanto viene riportato su alcuni siti internet".

Il Covid non va preso sottogamba.

"Il Covid è una malattia che si cura tranquillamente. Ma va preso in tempo e secondo le indicazioni di cura del proprio medico di famiglia. Se non si è controllati da un medico, se non si seguono in modo adeguato i consigli del professionista che si conosce si può arrivare anche alla fase in cui sono necessarie le cure ospedaliere".

Come si può prevenire tutto questo?

"Vaccinandosi. Abbiamo visto che oramai i vaccini non solo funzionano per evitare la malattia grave, ma riducono la possibilità di contagio. Si è visto anche che con il passare dei mesi sono sempre più sicuri".

Arriva l’influenza: sarete coinvolti nuovamente nella campagna di vaccinazione?

"Con l’Ausl abbiamo concordato che da lunedì parte la possibilità di prenotarsi per la vaccinazione con la terza dose per gli ultra 80enni che hanno completato il primo ciclo vaccinale sei mesi fa. Se lo desiderano, inoltre, possono prenotarsi anche per il vaccino antinfluenzale".

L’ultimo bollettino sull’emergenza Covid in provincia di Ferrara conta un decesso, quattro ricoveri e tredici nuovi positivi. Sedici invece i pazienti guariti.