Riccardo Vincelli e Manuel Sartori

Ferrara, 17 ottobre 2017 - Sarà una perizia psichiatrica a valutare le condizioni di Manuel Sartori e Riccardo Vincelli, i due ragazzi imputati davanti al tribunale per i minorenni di Bologna per il delitto di Pontelangorino. Nella notte tra il 9 e il 10 gennaio i coniugi Salvatore Vincelli e Nunzia Di Gianni (FOTO) furono uccisi a colpi di scure.

L'ha disposta in udienza il giudice Anna Filocamo, accogliendo la richiesta di rito abbreviato condizionato alla perizia, avanzata dall'avvocato Gloria Bacca, difensore del figlio 16enne della coppia, accusato di omicidio premeditato in concorso con un amico di un anno più grande, difeso dall'avvocato Lorenzo Alberti.

Il Procuratore Silvia Marzocchi si è associato alla richiesta di perizia. I due minori sono stati interrogati e avrebbero sostanzialmente ribadito la confessione. L'esecutore materiale fu l'amico del figlio che era in conflitto da mesi con i genitori. Il 16enne poi diede l'allarme, fingendo di aver ritrovato i corpi. I due furono sentiti, emersero contraddizioni e infine ammisero i fatti. 

La perizia sarà conferita in un'udienza fissata per martedì prossimo. «Un approfondimento è sempre una cosa favorevole», ha commentato l'avvocato Alberti. Soddisfatta per l'accoglimento della propria richiesta anche l'avvocato Bacca, che aveva fatto riferimento alle relazioni sul caso dei servizi sociali e degli psicologi e alla necessità di questo genere di valutazione.

Il suo assistito è da mesi trasferito nel carcere minorile di Torino ed era la prima volta che incontrava il complice: «Si sono solo salutati, i loro percorsi ora sono diversi, hanno una vita diversa», ha spiegato l'avvocato Bacca.