Ferrara, 9 ottobre 2018 - Il ponte è percorribile da stamattina alle 5 (9 ottobre 2018), ma sino alle 24 di domani (mercoledì 10) il transito tra i caselli di Ferrara Nord e Occhiobello resterà gratuito: «I transiti, in questo periodo di lavori, sono aumentati del 100% – confessa Luca Zecchini della società Autostrade –, indicativamente gli accessi a Ferrara Nord sono passati da 5 a 10mila veicoli al giorno». Il che fa sperare le amministrazioni locali (impegnate, d’intesa con il Ministero dei Trasporti, a coprire gli eventuali minori introiti con uno stanziamento di 150mila) di non dover non solo rimborsare Autostrade, ma paradossalmente di poter incassare qualche utile.

LEGGI ANCHE Ponte riaperto, l'inaugurazione

PONTE PO RIAPERTURA_34187970_181542

Il saldo si farà comunque nelle prossime settimane, mentre peraltro continueranno i lavori al ponte; restano infatti da completare le passerelle ciclopedonali – ancora sbarrate – su cui insistono i ponteggi che le imprese utilizzeranno anche per la verniciatura della parte sottostante della struttura. Tra alcune settimane, poi, per alcuni giorni si tornerà a circolare a senso alternato, perché occorrerà sostituire i giunti: quelli appena innestati, infatti, dovranno essere ricalibrati.

Ma restiamo all’autostrada. Andrea Parigi della società Telepass spiega che gli apparecchi potranno essere restituiti al Punto Blu, senza alcuna spesa, entro il 31 dicembre (sino a quella data il canone resterà comunque gratuito): chi tra i 5mila nuovi e forzati utilizzatori deciderà invece di tenerlo, «non pagherà il canone per altri sei mesi, e avrà diritto al soccorso stradale gratuito per due autovetture», lo spot del dirigente Telepass.

Confermato infine il limite alla circolazione dei mezzi pesanti; ancora non ufficializzato, ma di fatto i camion superiori alle 44 tonnellate (in particolare quelli che trasportano acciaio) non potranno transitare e dovranno indirizzarsi obbligatoriamente sulla A13.

LAVORI PONTE PO_32001392_155314