Pontelagoscuro si mobilita per il ’suo’ don Silvano

Raccolta firme dopo la decisione di trasferirlo a Bondeno. Appello al vescovo: "Lo lasci qui con noi"

Pontelagoscuro si mobilita per il ’suo’ don Silvano

Pontelagoscuro si mobilita per il ’suo’ don Silvano

Una grande mobilitazione di un’intera comunità per dire che don Silvano Bedin (foto) deve restare a Pontelagoscuro. La notizia, circolata in questi ultimi giorni, vedrebbe il trasferimento del parroco all’unità pastorale di Bondeno in sostituzione di don Andrea Pesci. Un fatto che è rimbalzata velocemente tra i cittadini che si sono mobilitati con una petizione la quale, in poche ore, ha avuto molte adesioni. L’intento è quello di presentare la raccolta firme a monsignor Giancarlo Perego, arcivescovo di Ferrara-Comacchio. "A sostegno – il testo – del mantenimento di don Silvano Bedin nel suo incarico attuale di parroco nelle parrocchie di Pontelagoscuro, Barco e Casaglia". Nei primi giorni della prossima settimana è stato fissato un incontro tra il vescovo e i rappresentanti dei consigli parrocchiali di Pontelagoscuro, Barco e Casaglia. La mobilitazione, intanto, è partita anche dai social con ripetuti appelli a firmare. Don Silvano lo si ricorda nelle scorse settimane nella sua veste di ‘volontario’ attivo a ‘Ponte in festa’, come negli anni precedenti, nella sagra promossa dalla parrocchia San Giovanni Battista e Pontelagoscuro calcio. Un parroco sempre in prima linea nelle attività del paese è stato anche il co-fondatore del Comitato ’Vivere insieme’. Attorno si è consolidato un gruppo di persone, soprattutto bambini e giovani, del paese, che lo hanno identificato come figura di riferimento.

L’allegria e la fiducia con cui partecipa alla vita della sua piccola comunità da 25 anni, l’ha trasmessa ai pontesani. Tantissimi i commenti tra questi quelli della Proloco: "Il legame con il suo paese e la sua comunità è troppo forte per non suscitare incredulità e smarrimento. Nel quarto di secolo di ministero da arciprete alla guida della Parrocchia di Pontelagoscuro, e da diversi anni anche di Barco e Casaglia, il Bedo ha spalancato le porte della canonica a chiunque". Poi l’aggiunta: "Non possiamo sapere se questa sollevazione, questo abbraccio totale al nostro parroco potrà sortire l’effetto sperato di portare il vescovo a revocare la decisione. Nel caso in cui la decisione fosse irrevocabile vogliamo però mandare un pensiero anche al nuovo parroco che sia benvenuto a Pontelagoscuro. Qui troverà una comunità a tinte forti, nel male e nel bene, e si meraviglierà delle tante persone impegnate e appassionate a mantenere vivo il tessuto sociale e culturale del paese".

Mario Tosatti