Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
22 dic 2021

Portò la figlia a Cuba, madre condannata

Tre anni di reclusione per sottrazione di minore e revoca della potestà genitoriale per la donna. La difesa del padre: "Anni di false accuse"

22 dic 2021
Il processo si è concluso ieri davanti al giudice Andrea Migliorelli (foto di repertorio)
Il processo si è concluso ieri davanti al giudice Andrea Migliorelli (foto di repertorio)
Il processo si è concluso ieri davanti al giudice Andrea Migliorelli (foto di repertorio)
Il processo si è concluso ieri davanti al giudice Andrea Migliorelli (foto di repertorio)
Il processo si è concluso ieri davanti al giudice Andrea Migliorelli (foto di repertorio)
Il processo si è concluso ieri davanti al giudice Andrea Migliorelli (foto di repertorio)

Tre anni di reclusione per aver sottratto la figlioletta al padre dopo averlo accusato falsamente di aver scattato alla bimba delle foto di natura pedopornografica. Si è concluso così il primo step di una vicenda giudiziaria che vede protagonisti una donna di origini cubane e un settantenne ferrarese, rispettivamente nella parte di imputata e persona offesa. La donna era accusata di sottrazione internazionale di minori. Ieri mattina, davanti al giudice Andrea Migliorelli, si è concluso il primo grado di giudizio riguardo a una vicenda familiare lunga e complessa, con al centro una bambina che aveva solo sei anni quando la madre l’ha portata con sé a Cuba. La condanna della donna per essersene andata con la piccola, limitando dunque la possibilità del padre di vederla, è l’ultimo tassello di un puzzle di sfibranti vicende giudiziarie, partite appunto con la denuncia nei confronti dell’uomo per quelle immagini pedopornografiche. Contestazione dalla quale, di recente, è stato prosciolto. Intanto, però, nel 2016, la madre era partita per l’isola caraibica, portando con sé la figlioletta. Da qui la battaglia del padre. Il primo risultato fu la revoca della potestà genitoriale in sede civile. A cui, a seguito della sentenza di ieri, si è aggiunta anche quella in sede penale, disposta come pena accessoria a fianco dei tre anni di reclusione e di una provvisionale da diecimila euro. Della vicenda, durante la fase delle indagini, si interessarono anche il ministero degli Esteri e l’Interpol, incaricati di verificare una serie di documenti prodotti dal padre alle autorità cubane. "Una volta che la sentenza sarà definitiva – commenta l’avvocato Enrico Zambardi, difensore del padre della bambina – attiveremo un canale internazionale di convenzione tra Stati per far sì che il padre possa ottenere l’affidamento della bambina, a seguito della privazione della potestà genitoriale nei confronti della madre". ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?