Posti letto e bilanci in rosso. Scontro tra Anaao e Ausl

L’associazione: "Rischio commissariamento, siamo pronti a scioperare". Dall’azienda: "Nessun pericolo e i posti letto sono in numero superiore".

Posti letto e bilanci in rosso. Scontro tra Anaao e Ausl

Posti letto e bilanci in rosso. Scontro tra Anaao e Ausl

Il botta e risposta in ambito sanitario, questa volta, è tra Anaao Assomed e la Direzione dell’azienda sanitaria ferrarese. Dall’associazione dei medici le contestazioni principali sui bilanci aziendali e per il taglio dei posti letto. "Evidenziamo – si legge nella lettera dell’associazione – il profondo rosso dei bilancio dell’Ausl che al 14 settembre era di 64,8 milioni, il doppio del 2022 e quello dell’Azienda ospedaliera di 51,8, con il rischio di andare in amministrazione controllata. Un vero disastro e per noi professionisti una beffa visti i sacrifici fatti e le prossime condizioni di lavoro". Ma la nota riguarda anche il taglio dei posti letto. "Anche se non abbiamo documentazione probante – informano da Anaao Assomed – perché le amministrazioni non ci hanno ancora informato, sappiamo per certo che questi tagli al momento riguardano le Medicine e in particolare dai 20 ai 30 al Sant’Anna e quindici posti letto al Santissima Annunziata di Cento. Tutto questo perché sia chiaro che contestiamo e vogliamo contrastare le decisione assurde della Direzione, perché la nostra sanità non finisca nel baratro. Siamo pronti a scioperare".

Su queste pesanti accuse, abbiamo chiesto spiegazioni direttamente all’azienda sanitaria.

"Restiamo stupefatti – sottolineano dalla direzione aziendale – dal livello di strumentalità delle affermazioni contenute. Va chiarito subito, intanto, che non c’è alcun rischio di commissariamento della sanità ferrarese e che l’entità deficit di bilancio, peraltro in linea con quello delle altre aziende sanitarie, è frutto principalmente di una diversa modalità di riparto del fondo regionale rispetto agli anni precedenti. Per quanto riguarda i posti letto, va evidenziato che le relative dotazioni non sono da considerarsi immutabili nel corso del tempo, ma devono attagliarsi alle modalità organizzative che le Aziende elaborano per dare risposte più puntuali e rispondenti alle esigenze di salute dell’utenza. Tali esigenze mutano nel tempo, così come il rapporto tra posti letto e popolazione contemplato dalle normative: rapporto che in provincia di Ferrara è superiore a quello previsto. Se così non fosse, non sarebbe stato recentemente varato il Dm77 che pone va a ridefinire i livelli di assistenza sia ospedaliera sia della medicina territoriale. Senza considerare gli ingenti investimenti previsti, anche nel Pnrr sulla telemedicina, che rappresenta un cambio di paradigma della medicina. Dinamiche che Anaao ben conosce e sulle quali, in provincia di Ferrara, si innesta il percorso di unificazione aziendale che porterà ad un’ottimizzazione nell’utilizzo delle risorse e dei posti letto.

Va valutata in quest’ottica ogni eventuale ipotesi di modifica di assetto, che comunque verrà condivisa con tutte le parti".