Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
19 giu 2022

Progetto per usare acqua reflua ripulita grazie all’energia solare

19 giu 2022

Arrivare al più presto ad applicare la tecnologia nelle aree dove vi è scarsità d’acqua o assenza di precipitazioni. E’ questo il traguardo che si pongono le ricercatrici e i ricercatori impegnati in Serpic, progetto di ricerca finanziato dal programma Horizon 2020 della Comunità Europea, nella call Jpi - Acquatic Pollutants. Tra loro la professoressa Paola Verlicchi, a guida del gruppo di ricerca in Ingegneria Sanitaria-Ambientale del Dipartimento di ingegneria dell’università di Ferrara, che spiega spiega il progetto: "Stiamo sviluppando una nuova tecnologia che fornisca acqua utile all’irrigazione e alla produzione agricola, in condizioni di scarsità. Per farlo dobbiamo riutilizzare le acque reflue, ma dobbiamo essere in grado di rimuovere dagli scarichi dei depuratori i microinquinanti". I contaminanti emergenti sono farmaci, prodotti per la cura e l’igiene personale, microrganismi patogeni, batteri e geni antibiotico-resistenti. "Eliminati tali inquinanti, l’acqua verrà utilizzata per l’irrigazione dei campi o ritornerà ai corsi d’acqua, evitando così che questi si disperdano nell’ambiente" illustra Verlicchi. Proprio a Unife si svolge il monitoraggio dei contaminanti emergenti, condotto sia con indagini bibliografiche sia sul campo. Il progetto prevede una fase d’informazione rivolta ai decision-makers istituzionali, per incentivare investitori e nuovi partner. "A Ferrara organizzeremo un workshop sul riuso delle acque e sui rischi". Lo studio, che si concluderà nel 2024, è stato finanziato con 1,3 milioni, è coordinato dall’istituto di ricerca tedesco Fraunhofer-Gesellschaft e.V.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?