Salta la fiera di San Lorenzo: "Motivi tecnici"

Gli organizzatori comunicano che la manifestazione di agosto quest’anno non si terrà. Guaraldi (Fd’I): "Nessun impegno del Comune"

Salta la fiera di San Lorenzo: "Motivi tecnici"

Salta la fiera di San Lorenzo: "Motivi tecnici"

"Con rammarico rendiamo noto a tutti che non si svolgerà l’edizione del 2024". Con queste poche righe L’Associazione turistica casumarese e il comitato organizzatore hanno fatto sapere che non si terrà la tradizionale e storica fiera di San Lorenzo che aveva sempre caratterizzato il periodo attorno al 10 agosto. "Cari concittadini, l’Associazione turistica casumarese, è impossibilitata a organizzare per il 2024 la 48esima edizione della fiera di San Lorenzo – si legge in una nota indirizzata a tutti i casumaresi –. Difficoltà tecniche, amministrative e logistiche ne impediscono la programmazione. Gli eventi gastronomici, invece, alla sala polivalente ‘Don Alfredo Pizzi’ e alla palestra ‘Tonino Govoni’, si svolgeranno regolarmente". Poche parole del Comitato fiera rivolte anche a tutti i collaboratori. "Un plauso particolare a tutti i componenti, che in questi anni hanno collaborato nel Comitato Fiera, per l’impegno profuso dedicando tempo, energie e cuore per la riuscita della nostra e vostra fiera di San Lorenzo – dicono salutando – L’Associazione turistica casumarese ringrazia le amministrazioni di Cento, Finale Emilia e Bondeno per la collaborazione, un ringraziamento particolare a tutti gli inserzionisti che hanno sempre sostenuto il Comitato Fiera e a tutti i casumaresi".

La fiera di San Lorenzo a Casumaro va avanti ormai da 47 edizioni, tolti due anni di stop forzato a causa del Covid ma ora si è davanti a un altro brusco arresto non per motivi di forza maggiore, ma un annullamento per il quale si sa soltanto che la causa sono difficoltà tecniche e amministrative. "Davvero un peccato – commenta Alessandro Guaraldi di Fratelli d’Italia –. La fiera è da sempre un punto di ritrovo, il senso di comunità si perde. Spero si riesca a ripartire per le prossime annualità. Mi domando se l’amministrazione si sia messa in gioco per mantenerla in vita. Credo proprio di no, visto che non è stata fatta alcuna riunione pubblica, nessuna comunicazione istituzionale e nessun aiuto è stato chiesto ai rappresentanti in Consiglio del paese".

Laura Guerra