Quotidiano Nazionale logo
28 apr 2022

Salus, attività senza sosta Oltre mille interventi chirurgici nel periodo dell’emergenza

Oltre un migliaio di interventi chirurgici in piena pandemia, con il 97% dei pazienti che si ritiene "pienamente soddisfatto". Sono numeri importanti quelli che arrivano dalla Casa di cura Salus. Nello specifico, infatti, grazie ad accordi tra la stessa struttura, l’Ausl e gli ospedali di Cona, Cento e del Delta (siglati nel novembre 2020) tra il 2020 e marzo 2022 sono stati realizzati in totale 1.122 interventi chirurgici. Di questi, 131 nel primo anno, 848 l’anno scorso e già 143 nei soli primi tre mesi del 2022. Al netto dei freddi dati numerici, però, i dirigenti di Salus hanno voluto anche approfondire il tasso di gradimento dei pazienti. E così, tra il 24 settembre e l’8 novembre 2021, l’ospedale privato di via Arianuova ha distribuito alle persone operate provenienti dall’Ausl un questionario: dai 96 test, come detto, è emerso che il 96,67% delle persone intervistate ha dichiarato "piena soddisfazione per l’esperienza", mentre l’1,66% l’ha giudicata carente. Ancor più nel dettaglio, il 91,67% dei pazienti ha apprezzato la chiarezza ricevuta al momento del pre-ricovero e il 96,3% ha sottolineato come positiva la cosiddetta terapia del dolore. Infine, è stata ampiamente promossa anche l’assistenza infermieristica (composta da fattori quali la disponibilità, la tempestività e la gentilezza) del personale.

"L’esperienza condotta – ha commentato Lino Riemma, amministratore unico della casa di cura Salus – avvalora quanto sia errata la contrapposizione tra ospedalità pubblica e privata accreditata, privilegiando il ruolo della prima a discapito della seconda, senza invece considerare i reciproci punti di forza. Questi, se integrati, potrebbero risultare ancora più efficaci nel generale soddisfacimento dei bisogni di salute della popolazione. Auspichiamo che questa esperienza possa non limitarsi al momento di emergenza, ma che possa riprendere ed essere la soluzione a problematiche relative alle liste di attesa di specialità".

m.l.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?