28 ottobre – All’alba di mercoledì 28 ottobre, la polizia porta a termine un maxi blitz in zona Gad: tra Ferrara e altre province del Nord Italia, sono oltre 250 gli agenti impegnati nell’operazione che porta allo smantellamento dell’associazione Vikings Arobaga, tra le più violente della Nigeria. L’organizzazione, ritenuta di stampo mafioso, ha portato avanti, per anni, spaccio ed estorsioni, fino al tentato omicidio di un connazionale. Vengono emesse 31 misure cautelari che decapitano l’associazione: manca, però, all’appello il capo Emmanuel Okenwa, detto Boogye, autodefinitosi ‘Il re di Ferrara’. Cinquantenne nigeriano, occasionalmente deejay (aveva suonato persino ad una ‘Festa della legalità’, nel 2012), viene rintracciato e arrestato alla stazione ferroviaria di Verona, poche ore più tardi, mentre tenta di fuggire. Le indagini, ad ogni modo, non si fermano: nelle settimane successive, infatti, finiscono in manette anche altri esponenti dell’organizzazione criminale nigeriana, scappati a Padova e Trento.

Servizi di Matteo Langone