Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
4 nov 2021

"Scampato a Igor, incubo infinito. Non posso perdonare ma non odio"

L’agente di polizia provinciale Ravaglia dopo la condanna definitiva di Feher: "Ha seminato troppo dolore"

4 nov 2021
federico malavasi
Cronaca
Qui sopra, l’agente Marco Ravaglia. Sotto, l’avvocato Denis Lovison
L’agente Marco Ravaglia
Qui sopra, l’agente Marco Ravaglia. Sotto, l’avvocato Denis Lovison
L’agente Marco Ravaglia

"Non perdono e non dimentico ma non odio". Marco Ravaglia, l’agente di polizia provinciale scampato per miracolo alla furia omicida di Norbert Feher, alias Igor il russo, prende in prestito le parole della senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta all’orrore della Shoah, per descrivere il suo stato d’animo. La notizia della sentenza della Cassazione, che l’altro ieri ha reso definitiva la condanna all’ergastolo per il serbo, dichiarato responsabile degli omicidi del barista Davide Fabbri e del volontario Valerio Verri, oltre che del tentato omicidio dello stesso agente, è stata accolta da Ravaglia come "una piccola certezza in più, un sassolino in meno nelle mie scarpe". Igor il russo, la vedova Fabbri: "Marcisca in galera, ma non sono felice" Ravaglia, ora è davvero finita. Norbert Feher dovrà rimanere in carcere a vita per i delitti commessi tra il Mezzano e la Bassa bolognese. Si aspettava questo esito? "Ho atteso la sentenza con trepidazione, per tutto il giorno. Verso sera, non vedendola arrivare, ho addirittura pensato che qualcosa fosse andato storto. Poi, alla fine, in serata ho appreso del verdetto dei giudici. Dentro di me ero sicuro che sarebbe andata a finire così. Ero convinto che la giustizia avrebbe fatto il suo corso". Come valuta questa decisione della Suprema corte? "È la parola ‘fine’ su questa lunga e dolorosa vicenda. Anche se devo ammettere che gli incubi legati a quel fatto continuano a essere ben presenti in me". Nel descrivere il suo sentimento attuale ha citato una frase della senatrice Segre. Perché? "Ho letto queste sue parole e mi hanno subito colpito. Ci ho riflettuto sopra a lungo, e solo dopo molto tempo le ho capite. Ovviamente, ciò che lei ha vissuto è infinitamente più grande e tragico rispetto alla mia vicenda personale. Sento però che quella frase rispecchia il mio attuale ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?