I carabinieri sono intervenuti senza trovare le bande (foto di repertorio)
I carabinieri sono intervenuti senza trovare le bande (foto di repertorio)

Ferrara, 11 agosto 2019 - Quel che è accaduto venerdì a Lido delle Nazioni, partendo dall’estremità nord della località balneare per poi coinvolgere buona parte di diversi locali e aree di divertimento che si trovano su Lungomare Italia, a partire dal pomeriggio per arrivare alla nottata, è stata una scena da far west. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito in modo grave, anche se un uomo, poco più che ventenne, in piena notte è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari. Ma andiamo con ordine.

Tutto sarebbe iniziato attorno alle 16 di venerdì quando, all’estremità nord di Lido delle Nazioni, quasi al confine con Lido di Volano, è arrivata la segnalazione di un nutrito gruppo di giovani rom che, pare alterati dall’alcool, si sono aggirati in zona. Immediata la segnalazione alle forze dell’ordine, che al loro arrivo non hanno trovato traccia del gruppo. Verso le 19 il gruppo torna a farsi vedere alle Nazioni, questa volta però comincia a dare seri problemi all’interno di uno stabilimento balneare.

Il gruppo, più o meno una ventina di persone, tutti giovani, avrebbero cominciato a infastidire i clienti del locale che stavano consumando l’aperitivo. A farne le spese per un alterco scatenato, con ogni probabilità da futili motivi, due minorenni residenti nel bolognese che si sono ritrovati presi a calci e pugni, ma entrambi hanno rifiutato di recarsi al pronto soccorso per farsi medicare. Dopo questa ‘incursione’ il gruppo si è allontanato dallo stabilimento, passando su tutto Lungomare Italia, fino ad arrivare al Luna Park estivo. Anche qui la banda avrebbe creato non pochi problemi, disturbando le persone che stavano frequentando l’area giochi, costringendo diversi gestori di giostre ad avvisare le forze dell’ordine. Anche qui all’arrivo della forza pubblica il gruppo si era già dileguato. Ma gli eventi di cronaca hanno poi dimostrato che non si erano allontanati di tanto.

Con l’avanzare delle ore nel primo stabilimento balneare di Lungomare Italia visitato dalla banda, sono arrivate quattro o cinque auto dalla quale sono scesi almeno una ventina di giovani di un altro gruppo rom, alla ricerca di quelli che forse sarebbero di una banda rivale. Dopo un giro del locale tutti sono risaliti in auto e se ne sono andati.

Nel frattempo si è fatta notte fonda. Un gruppo arriva in un altro stabilimento balneare, brandendo spranghe di ferro e mazze da baseball, cercando altre persone, lasciando basiti e impauriti i clienti, mentre i titolari del locale hanno subito contatto le forze dell’ordine. Poi l’epilogo, in uno stabilimento balneare vicino, dove nel patio del locale le due bande sono venute in contatto e sono partiti calci e pugni. A cercare di sedare il tutto, alcuni dipendenti del Bagno che, per tutta risposta, si sono ritrovati spintonati e minacciati. Nel faccia a faccia un giovane componente di una delle due bande è rimasto ferito. Sul posto sono giunti i carabinieri, ma al loro arrivo, quasi tutti i contendenti si erano dati alla macchia. Sul posto solo il ferito, portato all’ospedale, in condizioni non gravi per le cure e qualche danno agli arredi dello stabilimento.