"Sindaco, basta fare selfie. Più sicurezza sulle strade"

Cento, Caldarone (FdI) attacca: "A Casumaro e Reno tragedie solo sfiorate. Residenti delle frazioni esasperati e preoccupati, intanto le tasse aumentano".

"Sindaco, basta fare selfie. Più  sicurezza sulle strade"

"Sindaco, basta fare selfie. Più sicurezza sulle strade"

Il tema della sicurezza sulle strade centesi resta un argomento caldo di questi giorni, con contrapposizioni e parole forti tra maggioranza e opposizione. Questa volta a prendere la parola è la capogruppo di FdI Francesca Caldarone, che si riferisce al primo cittadino Edoardo Accorsi, prendendo spunto dagli ultimi recenti episodi di cronaca. "Sindaco, ci diamo una svegliata o aspettiamo una tragedia sulle strade? I cittadini, non possono essere ascoltati solo durante le elezioni – dice l’esponente di Fratelli d’Italia – per farsi votare, per poi essere abbandonati completamente, eppure pagano le tasse al comune e alla partecipanza.

Dopo la spaventosa caduta del ragazzo di Casumaro, si è verificato un episodio simile anche a Reno Centese, che ha coinvolto un bambino in bicicletta. Anche questa volta, per fortuna non è accaduto nulla di grave, ma non possiamo sempre sperare nella fortuna perché prima o poi qualcuno si farà davvero male e ne dovrà rispondere chi, fino ad oggi, non si è assunto la responsabilità della manutenzione stradale. I residenti di Reno Centese, Casumaro, Pilastrello, Renazzo e Alberone, sono preoccupati ed esasperati".

Poi un’accusa diretta alla giunta Pd. "Il comune di Cento, sotto la guida del Pd e del sindaco Accorsi, ha aumentato solo le tasse ai cittadini senza offrire servizi adeguati. I soldi questa amministrazione li trova ma per cose inutili e che servono a dar da lavorare alle cooperative, come il dormitorio che sorgerà in pieno centro a Cento che, per essere mantenuto, necessita di milioni di euro a discapito dei cittadini che vivono nel pericolo costante sulle strade del territorio.

E se non bastasse, anche quest’anno non verranno garantite alcune classi prime nelle frazioni di Casumaro, Bevilacqua e Corporeno, tanti ragazzi continueranno a non avere le palestre e la biblioteca, mentre si spendono oltre 12 milioni di euro per rifare la scuola di Casumaro che, ad oggi, non riesce a garantire neanche il servizio del dopo scuola.

Siamo stanchi sindaco, faccia un favore alla popolazione e vada a casa con tutta la sua giunta. L’ora dei selfie sui giornali è scaduta, Cento ha bisogno di altro".