La pandemia nel Ferrarese registra ancora contagi a quattro cifre. Nelle ultime 24 ore, infatti, i positivi sono stati 1.369, con 1.065 persone entrate in isolamento. Una situazione pesante, che rende necessario un potenziamento del sistema per la raccolta dei tamponi. La mossa studiata dall’Ausl è dunque l’implementazione del servizio ai cosiddetti Drive through, i punti in cui è possibile recarsi in macchina a farsi prelevare il campione da analizzare. Si parte da lunedì, quando i cinque Drive through distribuiti sul territorio verranno potenziati fino ad arrivare a una...

La pandemia nel Ferrarese registra ancora contagi a quattro cifre. Nelle ultime 24 ore, infatti, i positivi sono stati 1.369, con 1.065 persone entrate in isolamento. Una situazione pesante, che rende necessario un potenziamento del sistema per la raccolta dei tamponi. La mossa studiata dall’Ausl è dunque l’implementazione del servizio ai cosiddetti Drive through, i punti in cui è possibile recarsi in macchina a farsi prelevare il campione da analizzare. Si parte da lunedì, quando i cinque Drive through distribuiti sul territorio verranno potenziati fino ad arrivare a una ‘potenza di fuoco’ di 1.400-1.800 tamponi al giorno. È quanto mette in campo dall’azienda sanitaria, che intende così continuare il rafforzamento dell’attività di tracciamento con l’intenzione di dare una risposta più puntuale ai cittadini, considerando l’incremento della pandemia e il conseguente aumento della richiesta dei tamponi.

I ‘tampon drive’ attivi a Cittadella San Rocco, Ferrara Fiere, Casa della Salute di Copparo, ospedale di Cento e Casa della Salute di Comacchio saranno dunque operativi tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, con un’offerta complessiva fino a 1.800 tamponi, suddivisi nei tre distretti con una concentrazione prevalente sul capoluogo. "Un incremento importante – fanno sapere da via Cassoli –, che si affianca al servizio di prossimità già offerto dalle farmacie, che permette di garantire una quota parte di prenotazioni in capo alla medicina generale: su dodicimila tamponi settimanali, infatti, circa il 30% è messo a disposizione dei medici di medicina generale che possono prenotare il tampone per i propri assistiti". Si sta lavorando in questi giorni anche per diversificare la linea dei tamponi: non saranno eseguiti soltanto i test molecolari ma anche gli antigenici, considerati sovrapponibili, allo scopo di velocizzare ulteriormente la risposta ai cittadini che devono verificare la propria positività al Coronavirus.

Il punto sanitario. Il bollettino sanitario diramato ieri, come anticipato, conta 1.369 nuovi positivi. Non mancano, purtroppo, i decessi. Quattro in tutto le vittime del Covid. Si tratta di una donna di 82 anni di Bondeno e di tre uomini di Ferrara, Copparo e Comacchio, rispettivamente due 78enni e un 79enne. I ricoveri all’ospedale di Cona sono stati in tutto quattordici, uno dei quali in terapia intensiva. Per quanto riguarda il personale sanitario, all’Ausl risultano contagiati 151 dipendenti e al Sant’Anna 143. Rimanendo all’ospedale di Cona, l’ultimo bollettino riporta un’occupazione di posti letto all’89% del totale. La terapia intensiva, al momento, ha quattordici letti occupati su quindici, cioè uno in meno rispetto all’aggiornamento precedente. Si registra quindi un lieve alleggerimento della pressione sul reparto. Per quanto riguarda gli altri nosocomi, al Delta abbiamo 81 posti letto occupati su 83, mentre a Cento c’è il tutto esaurito (quaranta su quaranta).

re. fe.