Ha chiamato il 112, dichiarando di volersi togliere la vita, gettandosi nel fiume Reno. Ma il sangue freddo dell’operatore della centrale operativa, unita al tempestivo intervento del Nucleo operativo e radiomobile dei Carabinieri di Cento, hanno evitato il peggio. Il tutto è accaduto la notte scorsa, quando la giovane, residente nel Centese, ha contattato il 112, sostenendo di volersi suicidare a causa di una delusione amorosa. L’operatore ha subito compreso la delicatezza della situazione, ha provveduto a localizzare il cellulare della giovane che si trovava sul ponte Nuovo sul Reno e ad inviare sul posto una pattuglia. Nel frattempo, l’operatore ha tenuto la giovane al telefono, distraendola. Una volta sul posto, i militari l’hanno trovata in cima al ponte, ancora al telefono con la centrale. Dunque, l’hanno soccorsa e affidata alle cure del 118.