Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
8 mag 2022

Un momento delicato: serve dialogo

8 mag 2022
luigi
Cronaca

Luigi

Baiano*

È un momento delicato per il petrolchimico di Ferrara e per questo motivo è importante avere senso di responsabilità, lucidità e consapevolezza per non rischiare di ottenere l’effetto contrario a quello desiderato. La decisione presa più di un anno fa da Eni di fermare il Cracking di Marghera, ha messo in luce i limiti della politica italiana nel comprendere e definire il futuro della chimica nel nostro paese. Il 9 maggio 2022 Versalis inizierà la fermata del Cracking. Abbiamo cercato in tutto i modi di scongiurare questo evento, coinvolgendo anche la politica locale e nazionale, chiedendo la convocazione di tavoli istituzionali regionali e al Mise, ma la realtà deve fare i conti con gli enormi costi di manutenzione e messa in sicurezza dell’impianto margherino e la volontà della regione Veneto, non contraria alla chiusura. Ora è necessario concentrare i nostri sforzi sulla partita degli approvvigionamenti e investimenti futuri del quadrilatero padano. Al tavolo regionale della chimica, riunitosi il 3 maggio, la Regione si è impegnata a chiedere un incontro urgente a Eni Versalis (da quanto ne sappiamo è già stata definita una data) mentre le nostre categorie dei chimici nazionali hanno convocato un attivo unitario per il prossimo 13 maggio, che avrà lo scopo di fare il punto sulla situazione, definire le iniziative da intraprendere e sollecitare la rapida convocazione del tavolo presso il ministero per lo sviluppo economico che, come convenuto negli incontri dello scorso anno, avrebbe dovuto predisporre il protocollo per la gestione della fermata dell’impianto del cracking, documento necessario per definire e mitigare gli impatti che tale chiusura determinerà sugli stabilimenti del quadrilatero padano. Questo è il momento del dialogo, da soli non si va da nessuna parte, abbiamo bisogno di confrontarci in questi tavoli e cercare soluzioni condivise. Su un tema così importante, il futuro della chimica italiana, è necessaria una strategia di ampio respiro, di sistema, affidata alle azioni, alle decisioni e alla regia delle federazioni nazionali.

*segretario Femca-Cisl

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?