Quotidiano Nazionale logo
20 apr 2022

Una piazzetta per l’eroe Intitolata a Gino Mangia

Al caporal maggiore, medaglia d’argento al valore militare, sarà dedicata l’area dietro al municipio

La piazzetta che verrà intitolata al caporal maggiore Gino Mangia
La piazzetta che verrà intitolata al caporal maggiore Gino Mangia
La piazzetta che verrà intitolata al caporal maggiore Gino Mangia

Mantenere la memoria di quanto accadde e di chi ha dato la vita contribuendo alla liberazione di un Paese è fondamentale perché le pagine più buie della storia non si ripetano. E’ questo ciò che ha mosso l’amministrazione comunale di Terre del Reno a intitolare, nell’occasione delle celebrazioni del 25 aprile alle 10.15, la piazzetta antistante il nuovo municipio al caporal maggiore Gino Mangia, medaglia d’Argento al Valor Militare alla Memoria e Croce di Guerra al Valor Militare, morto in terra mirabellese nell’eroica ma ancora poco conosciuta Operazione Herring.

Si tratta infatti dell’unico aviolancio di guerra effettuato in Italia nella storia dei paracadutisti italiani, dal 20 al 23 aprile 1945, che, ritardò e indebolì la ritirata tedesca prima di varcare il Po grazie a questa operazione di infiltrazione e sabotaggio effettuata nella notte, trovando anche sostegno dalla popolazione e dai partigiani. Il programma prevede il ritrovo alle 10.15 davanti al municipio con un momento emozionante ed evocativo di quell’operazione, con la partecipazione della bella voce di Alessandro Ramin, di Sara Montorsi, la Filarmonica San Carlo, i vigili del fuoco, i consigli comunali dei ragazzi e il sorvolo aereo dei piloti AirClub & Fun e Reno Airclub, la cerimonia dell’inaugurazione, i discorsi delle autorità sottolineando il legame indissolubile tra la Herring e la celebrazione della Resistenza e infine, un momento di approfondimento in sala consigliare con Maurizio Grazzi dell’A.N.Paracadutisti Ferrara e lo storico Carlo Benfatti. Annunciata anche la presenza dei famigliari di Mangia e rappresentanti dello Stato Maggiore e della Folgore. "E’ doveroso ricordare chi ha perso la vita per liberare i nostri territori – dice il sindaco Roberto Lodi – farlo nel contesto del 25 aprile è ancor più importante per mantenerne la memoria. Intitolazione che la situazione pandemica aveva rinviato che permette di ricordare un’operazione importante".

Laura Guerra

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?