Luca Branchi, fratello della vittima, alla ricerca della verità
Luca Branchi, fratello della vittima, alla ricerca della verità

Ferrara, 14 febbraio 2019 - Altre due persone sono state iscritte nel registro degli indagati per false dichiarazioni al pubblico ministero nell’ambito dell’inchiesta sull’omicidio di Willy Branchi, assassinato barbaramente tra il 29 e 30 settembre 1988 a Goro. Si tratta di marito e moglie, Rodrigo Turolla, ex sarto del paese, e Luisa Barini, i quali abitavano a Goro vicino a dove è stato commesso il delitto e che, sentiti come testimoni dal pm Andrea Maggioni, su alcuni punti – uno in particolare – non avrebbero dato risposte o le avrebbero date discordanti.

LEGGI ANCHE Willy Branchi, il fratello: "Io, minacciato in paese. Paura? Mai"

Sono ora in tutto sei (una già a processo) le persone accusate di aver detto il falso e tra loro c’è anche l’ex parroco del paese, don Tiziano Bruscagin, indagato due volte in quattro anni. Branchi, 18 anni, fu trovato lungo l’argine del Po nudo e con la testa fracassata.

In mezzo, indagini e poche certezze, fra accuse di pedofilia e omertà dei testimoni. Le nuove indagini erano state ordinate a maggio dal gip dopo che la famiglia di Branchi, difesa dall’avvocato Simone Bianchi, si era opposta alla richiesta di archiviazione della Procura.

n.b.

LEGGI ANCHE Willy Branchi, indagati per falso un medico e un pescatore

image