FEDERICO DI BISCEGLIE
Cultura e spettacoli

Bruce Springsteen: perché il concerto sarà a Ferrara

Il concerto del 18 maggio, Trotta (Barley Arts): "Mai vista un’accoglienza simile ". Il sindaco Fabbri: "Due anni di lavoro, sarà la svolta per la nostra città"

A Ferrara l'atteso concerto di Bruce Springsteen

A Ferrara l'atteso concerto di Bruce Springsteen

Ferrara, 13 maggio 2023 – Ormai si parla al presente. Sarà che l’attesa, iniziata oltre un anno fa dopo l’annuncio del concerto del Boss a Ferrara, è stata estenuante. Ma ora ci siamo.

FOCUS / Il concerto si farà nonostante il maltempo

"E il concerto di Ferrara sarà straordinario, perché mai ho visto in centinaia di posti in cui ho organizzato eventi nella mia vita, un’accoglienza simile". Claudio Trotta, numero uno di Barley Arts e storico promotore di Bruce Springsteen in Italia, non ha dubbi. Si guarda in giro, scambia sguardi di complicità con il sindaco Alan Fabbri e l’assessore alla Cultura, Marco Gulinelli. Per capire a fondo i retroscena di un lavoro "di oltre due anni" che ha portato "al coronamento di un grande sogno" occorre riavvolgere il nastro.

Autobus: ecco navette e orari / Parcheggi e strade chiuse

Piena pandemia, anno 2020. La miccia che ha attivato il circuito che ha permesso l’approdo del Boss in città è stata accesa dal presidente di Ferrara Arte, Vittorio Sgarbi. "Mi chiamò un giorno una cugina – racconta Trotta – per annunciarmi una chiamata di Sgarbi, che stimo e ammiro. Vittorio mi chiese se sarebbe stato possibile organizzare un concerto di Bruce & E Street Band a Ferrara. Ovviamente gli ho subito detto di no, dovevo prima capire se ci sarebbero state le condizioni per organizzare un evento di questa portata".

Gli eventi in città

Poi, i primi incontri col sindaco e con Gulinelli. Ed ecco arrivare la ‘prova generale’ per l’organizzazione del maxi evento: il Comfort festival. Il Covid non ha concesso tregue. Nel 2022 il tour della rockstar è stato rinviato. Ma ora ci siamo. "Tutto questo è stato reso possibile – dice Trotta – perché per due anni, ininterrottamente, la nostra agenzia, le imprese del territorio e molti altri attori coinvolti hanno saputo lavorare al fianco dell’amministrazione che ci ha dato un apporto esemplare".

La cabina di regia, coordinata da Fernando Ferioli, gli eventi collaterali, le serate musicali e le mostre. Un’alchimia che ha reso l’evento ferrarese "un unicum al mondo".

Il sindaco annuisce e riprende le parole del numero uno di Barley Arts. "E’ un momento che segnerà una svolta per la nostra città – dice –. Ma tutto questo è stato reso possibile grazie al fatto che abbiamo pervicacemente creduto in questa scommessa e che molti soggetti in campo si sono mobilitati profondendo un impegno esemplare". E residenti coinvolti nei disagi viabilistici? "Dico loro di portare pazienza". "Oggi – aggiunge Gulinelli – ci sono oltre duecento persone che lavorano all’allestimento del concerto e ne attendiamo altrettante".

E l’ipotesi maltempo? Ci si affida alla fortuna, ai portali meteo e agli scongiuri. Mentre sulle polemiche legate all’impatto ambientale e al costo dei biglietti, Trotta taglia corto: "Ci sono stati studi e relazioni, non c’è alcun pericolo. Quanto ai biglietti, quelli di Ferrara sono i meno cari al mondo".

Per cui, appuntamento a giovedì: dalle 16.30 con i Fantastic Negrito e alle 17.45 con Sam Fender. Il resto, è già storia.