Ferrara, 31 gennaio 2019 - Per una volta, i sorrisi nella foto non sono di facciata: all’uscita dal Ministero delle Finanze, per gli ‘azzerati’ ex Carife si spalanca una strada meno impervia per ottenere i risarcimenti. Che toccheranno, e questa è una novità fondamentale, anche gli azionisti: «Entro l’8 febbraio sarà approvato il primo decreto attuativo, con cui verrà messo in rete il modello con cui presentare la richiesta di ristoro».

Milena Zaggia, del Movimento Risparmio Tradito, riferisce l’esito dell’incontro con il sottosegretario Alessio Villarosa. Il secondo decreto attuativo, previsto a inizio marzo, farà invece decorrere i 180 giorni di tempo «entro cui potranno chiedere il rimborso gli azionisti, che avranno inizialmente il 30% destinato però a crescere – aggiunge Katia Furegatti dei Risparmiatori Azzerati –, ma anche gli obbligazionisti che otterranno sino al 95% delle proprie somme».

CARIFE1_31886464_110917

A proposito degli obbligazionisti, «potranno rientrare nella procedura dei risarcimenti anche quelli che, nella prima fase, non hanno presentato alcuna domanda, o sono stati esclusi dall’arbitrato», evidenzia Marco Cappellari degli Amici di Carife.

Giornata positiva sotto tutti i punti di vista, dunque: «La prima buona notizia è che Carife rientra appieno nelle maglie del decreto, con buona pace della ‘cassandra’ di Luigi Marattin – sorride la Furegatti –; la seconda è appunto rappresentata da un iter che si annuncia, finalmente, rapido e semplificato».

Tra le richieste delle associazioni, ieri, la rivalutazione degli interessi, e il riconoscimento anche delle spese legali sostenute nelle battaglie per ottenere i propri soldi: «Sì a un rimborso, vietata invece la pretesa di una percentuale sulla quota di indennizzo ricevuto», chiude la Furegatti. All’incontro erano presenti anche Giovanna Mazzoni, Stefano Camisari, Maria Grazia Esposito, Susanna Giuriatti e Stefano Di Brindisi. «Se tutto andrà per il verso giusto – chiude la Zaggia –, a settembre arriveranno finalmente i rimborsi agli azionisti».

image