Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
7 mag 2022

Petrolchimico Ferrara, lunedì sciopero generale

La decisione di Cgil e Uil: "Con la chiusura del cracking di Marghera, sono a rischio migliaia di posti di lavoro e il futuro del settore"

7 mag 2022
federico dibisceglie
Economia
featured image
I lavoratori del petrolchimico durante una delle assemblee
featured image
I lavoratori del petrolchimico durante una delle assemblee

Ferrara, 7 maggio 2022 - Negli occhi la speranza, nello sciopero la lotta. Lunedì i lavoratori del Petrolchimico si troveranno davanti ai cancelli del sito produttivo. Ma non per varcarli e svolgere le mansioni di sempre. Gli impianti, per tutto il giorno, non funzioneranno. Sciopero generale. Proprio in concomitanza con l’inizio delle operazioni di spegnimento del cracking di Marghera. La decisione è stata assunta a seguito della due giorni di incontri tra addetti e rappresentanti sindacali. Ma ad aderire alla manifestazione, indetta da tutte le categorie di Cgil e Uil, non saranno solo i lavoratori del Polo Chimico estense. Infatti, per dare un segnale forte a seguito della comunicazione della chiusura dell’impianto a Marghera da parte di Eni, hanno deciso di aderire (per quattro ore) anche i lavoratori di Mantova e del cracking stesso. "Nei giorni scorsi – ricordano i sindacati Cgil e Uil – Eni Versalis, ha annu nciato che da lunedì prossimo il cracking di Marghera cesserà le attività di produzione dei monomeri che vengono utilizzati nel polo chimico di Ferrara dagli impianti produttivi di Polietilene e Gomme (impianti F x e Gp 26/27 di Versalis) e di Polipropilene (impianti F24 e Mpx di Basell). In realtà, ricordano i rappresentanti dei lavoratori, "già un anno fa si sarebbero dovute realizzare operazioni concrete per rinforzare le strutture logistiche e garantire così la continuità delle forniture, in quantità e qualità, delle materie prime destinate ai siti di Mantova e Ferrara". Peccato che nel comunicato di Eni, diffuso a inizio maggio "l’azienda abbia dichiarato che gli investimenti per quelle operazioni non sono stati ancora realizzati". Il che significa, spiegano Cgil e Uil, che "le forniture dunque saranno garantite – così i due sindacati confederali – con le stesse modalità già sperimentate nel 2014, in occasione di una prima cessazione di attività ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?