Ballottaggio a Cento: il fac simile della scheda
Ballottaggio a Cento: il fac simile della scheda

Cento (Fe), 14 ottobre 2021 - Il voto del 3 e 4 ottobre alle amministrative ha visto Cento continuare la sfida tra i due candidati sindaco più votati e arrivare al ballottaggio. Nessuno dei candidati che si sono presentati al primo turno, infatti, ha raggiunto la maggoioranza assoluta dei voti (50% più 1). A questo punto, il 17 e il 18 ottobre sarà una sfida a due: Edoardo Accorsi (sostenuto da Pd – Attiva – Cento SiCura) che al prino turno ha raccolto il 41.17 % dei voti contro il sindaco uscente Fabrizio Toselli (sostenuro da Avanti Cento, Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia) che si è fermato al 33.93%. Ma niente è ancora detto, perché i centesi sono dunque richiamati alle urne domenica 17 ottobre, con i seggi aperti dalle 7 alle 23 e lunedì 18 ottobre, con la possibilità di voto dalle 7 alle 15. Il secondo turno si è reso necessario perché, come previsto per i Comuni con più di 15.000 abitanti, nessuno dei 5 candidati aveva ottenuto la maggioranza al primo turno.

Ballottaggi, in Emilia Romagna affluenza

Ballottaggi elezioni comunali 2021: dove si vota in Emilia Romagna

Come si vota

Per votare basterà tracciare un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato prescelto. Non è ammesso il voto disgiunto, a pena dell’invalidità della scheda.

Chi può votare

Come al primo turno, possono votare tutti gli iscritti nelle liste elettorali residenti nel Comune con età superiore ai 18 anni, gli iscritti all’A.I.R.E. e i cittadini comunitari iscritti nell’apposita lista. Si può votare anche se nel turno precedente non ci si era recati ai seggi. Non vi è obbligo di green pass ma soltanto di presentare al seggio la propria tessera elettorale e un documento di riconoscimento. Per richiedere il trasporto disabili al seggio, attivo nelle giornate elettorali, contattare l'ufficio Elettorale ai numeri 051/6843317 - 051/6843335

La tessera elettorale

Chi ha smarrito la tessera elettorale o ha esaurito gli spazi vuoti per il timbro, può chiedere un duplicato o una nuova tessera all'ufficio elettorale, in via di Renazzo 52, tutti i giorni feriali fino a giovedi 14 ottobre dalle 9 alle 13. Sono inoltre previste aperture straordinarie in vista del ballottaggio: Venerdi 15 e sabato 16 ottobre dalle 9 alle 18 con orario continuato; domenica 17 dalle 7 alle 23 e lunedì 18 dalle 7 alle 15. Per informazioni, si può telefonare ai numeri: 051/6843317 - 335 - 321 

Spostamento dei seggi di Reno Centese e Casumaro

Il seggio n. 26 di Reno Centese è stato postato nel Circolo sportivo di via della posta 19/A. I seggi n. 27 e 28 di Casumaro traslocano invece nel circolo sportivo di via Boschetti 21. Questo per evitare di chiudere i plessi scolastici durante le giornate di votazione, per consentire agli studenti di frequentare regolarmente la scuola.Gli elettori potranno recarsi direttamente al nuovo seggio con la tessera elettorale attuale, che rimane valida e non deve essere sostituita.

Il fac simile della scheda elettorale

L'affluenza al primo turno

Al primo turno l’affluenza è stata del 55.72%, pari a 15675 votanti su 28130 aventi diritto, circa di 10 punti inferiore rispetto al 2016 quando si votava in un’unica giornata.

I due sfidanti

E’ dunque testa a testa, tra il centrosinistra con il giovane Edoardo Accorsi, sostenuto da Pd e le civiche Cento SiCura e Attiva che è riuscito a primeggiare con il 41,17%, e il sindaco uscente di centrodestra Fabrizio Toselli (Avanti Cento, Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia) che ha fatto registrare il 33,93% lasciato alle spalle per 1.105 voti. Gli altri candidati erano Marco Pettazzoni (Orgoglio Centese e Libertà per Cento) con un bel gruzzolo di 2780 voti pari al 18,21%, Tiziana Balboni (Noi che) con 645 voti (4,2%) e Flavio Tuzet (RinasciCento) con 380 voti (2,49%). E’ da quell’elettorato e da chi non si è recato al voto che i due candidati sindaco devono riuscire a carpire consensi. Non vi sono stati apparentamenti ma sono diversi gli uomini di centrodestra che stanno comunque continuando a caldeggiare il cambiamento strizzando l’occhio al giovane Accorsi.

I partiti al primo turno

Intanto, dopo 5 anni di Toselli, uomo di centrodestra eletto in precedenza con due civiche, è stato ora il Pd ad essere più votato (18,32%) con una eccezionale rimonta rispetto al 2016 che non lo vide nemmeno andare al ballottaggio. Decisamente dimezzato invece, il consenso della Lega che dal 18,8% si trova oggi al 9,26% e doppiata dall’ex leghista Pettazzoni, espulso assieme ad Elisabetta Giberti che non appoggiavano la scelta della candidatura di Toselli.