Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Elezioni amministrative, il sondaggio. Sale il centrodestra

Cinquestelle davanti a un Pd che ancora arretra: sarebbe questo oggi l'esito delle urne

di STEFANO LOLLI
Ultimo aggiornamento il 1 agosto 2018 alle 13:03
Elezioni amministrative

Ferrara, 1 agosto 2018 - Centrodestra al 42,2%, centrosinistra al 27,9%. Lega primo partito, Cinquestelle davanti a un Pd che ancora arretra. Se si votasse oggi, per le amministrative, questo sarebbe l’esito delle urne. A dirlo è un ‘sondaggino’ (il termine non è una diminutio, ma dà conto di un campione poco nutrito di consultati) realizzato una decina di giorni fa da Bruno Poggi, per conto dell’istituto di analisi politica Vilfredo Pareto. Un sondaggio che muove da uno studio in realtà più ampio, sulla crisi delle cosiddette ‘roccaforti’ della sinistra, tra cui Ferrara.

Ma stiamo, per ora, al sondaggio: a quattro mesi di distanza dalle politiche, la Lega continua a guadagnare consensi, il Pd invece a perderne. «E addirittura, nell’ultimo anno, il Pd perde un voto ogni ora e mezza...», sottolinea Poggi, dati alla mano. Dati alla mano, guadagna anche il Movimento 5Stelle, che si colloca come secondo partito della città.

Lasciando immaginare cosa accadrebbe se, come per il governo, si componesse un’alleanza ‘gialloverde’ anche per il Comune: potrebbe contare, al 18 luglio (giorno del sondaggio), sul 55,3% dei voti. In calo netto Forza Italia, lieve aumento invece per Fratelli d’Italia e tenuta per «+Europa», ammesso che alle amministrative i radicali decidessero di presentarsi così, soli e nudi. Tutto il resto sbiadisce, come una nuvola di talco: Liberi e Uguali scendono dal 4,3% delle politiche a un 2% che non dà fiato ai bersaniani e neppure ai loro potenziali alleati. Le altre liste, come si dice in gergo, sono da prefisso telefonico. «Solo una novità spiazzante, e la capacità del Pd di uscire completamente dagli schemi – evidenzia Poggi –, può sovvertire un quadro che sembra, almeno per le prossime amministrative, ormai incardinato».

Il test pre elettorale tuttavia si chiude con un ultimo dato, significativo e per certi versi curiosi: ai 500 ferraresi consultati, è stato chiesto di esprimere un gradimento sui più conosciuti esponenti politici locali. Svetta il leghista Alan Fabbri, con il 33% dei consensi (dunque il 3% in più rispetto al proprio partito); poi il vicesindaco Massimo Maisto con il 21,1%, e sul podio anche l’ex sindaco Roberto Soffritti, che pur apparentemente fuori dalla mischia elettorale conserva una notorietà pari al 18,7%. Giochi già fatti? Il sondaggista per primo ammonisce a essere cauti, la strada verso lo Scalone è ancora lunga.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.