I candidati sindaco a Vigarano Mainarda
I candidati sindaco a Vigarano Mainarda

Vigarano Mainarda (Ferrara), 7 settembre 2021 -  A Vigarano Mainarda, il voto alle amministrative decreterà subito chi diventerà sindaco, senza passare dal ballottaggio. Tre i candidati in lizza per la fascia per un comune che si trova a fare i conti con una grave situazione di bilancio.

Elezioni comunali 2021 Emilia Romagna, dove e quando si vota

A correre è Agnese De Michele (Cambiamo il Futuro con Te), ex assessore che parlando di “non trasparenza della gestione del sindaco” insieme ad altri 3 della maggioranza si era dimessa dando il via al commissariamento del comune. La sua corsa si basa su “Futuro, innovazione, sostenibilità, trasparenza, legalità, competenza, dialogo, partecipazione ma soprattutto azione” e una lista che definisce “aperta” perché “trasversale affinchè possa rappresentare tutti e intercettare le esigenze dei cittadini, trasformarle in azioni concrete senza preclusioni o condizionamenti dall’alto” e metter in campo l’esperienza accumulata in questi anni “dimostrando che una politica diversa è possibile, senza compromessi, forzature dall’alto, trasparente e aperta”. In lista l’ex assessore Elena Zoboli, l’ex segretario del Pd Simone Malaguti, Ivan Viviani di Coronella, Roberto Mainardi che vanta esperienze importanti legate al sociale e amministrative, il perito agrario Matteo Branchini, il volontario della sagra di Madonna Boschi Fabio Malavasi, la commessa Elisa Saccenti, Samanta Grechi che lavora nel mondo della moda, Paola Zancoghi volontaria di protezione civile ed ex dipendente all’ufficio tecnico, Luca Giacomini esperto nel sociosanitario, il dipendente alla scuola primaria Andrea Cascapera e Oscar De Mauro, militare dell’Aeronautica ed informatico.

Il centrodestra politico è unito in una lista civica guidata da Davide Bergamini (Uniti per Vigarano), referente provinciale della Lega ed ex consigliere d’opposizione che dopo qualche tempo aveva scelto di seguire le dimissioni della maggioranza. Per la prima volta compatti alle amministrative, Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, Lega Salvini premier, Forza Italia Berlusconi puntano proprio sulla loro unione “con persone equilibrate, ognuna con esperienze diverse nei propri settori sia personali che professionali, insieme per dare un ottimo progetto politico a Vigarano”. Per Fdi si sono candidati, Oskar Spath politico e militare dell’aeronautica, l’ex consigliere comunale Mauro Zanella, dal settore sport Lara Camanzi, l’imprenditrice Francesca Lambertini e Luigi Balestra, agente di polizia penitenziaria. La Lega si presenta con Umberto Gardenghi, per anni in consiglio comunale, Fabio Altieri, imprenditore nel settore delle progettazioni, Paola Romani, impiegata contabile in un’azienda, Daniela Patroncini, docente alla scuola delle arti di Vigarano Pieve, la titolare di pasticceria Tiziana Lodi, l’ingegnere Francesco Manfredini mentre Forza Italia ha scelto il commercialista e legato al mondo del calcio Enio Bizzarri, dottore commercialista, appassionato di calcio.

Il terzo polo è quello rappresentato dalla candidata Lisa Pancaldi che si presenta con la lista civica Viviamo Vigarano , nata sull’esperienza del movimento di VigaLab. Spiegano che “ognuno mette in campo le proprie competenze, incontrandoci come un gruppo e non come singole persone” puntando su questo modo di lavorare e su “entusiasmo e un programma che è un tappeto vivace e fattivo di progetti”. A formare la lista è Jacopo Bruschi, 18 anni, studente e attivista per le politiche studentesche, Aurora Caselli 60 anni, pensionata, hobbista e volontaria, Tania Gozzi, 44 anni, referente per l’amministrazione del personale agricolo e domestico e volontaria, Olao Guidetti, 52 anni, geometra libero professionista, Salvatore Ilacqua, 43 anni impiegato tecnico, Stefano Manfredini, professore all’università di Ferrara, Emanuele Mattarelli, 52 anni imprenditore vinicolo, dall’Aeronautica il 63enne Emanuele Plebiscito, 63 anni, Gianluca Setti, 24 anni studente universitario e volontario, Silvia Veronesi, 44 anni avvocato di Ferrara, e Damiano Zaretta, 60 anni, responsabile delle risorse umane e arbitro di calcio.