Spal, il Napoli vuole Lazzari (Foto Ansa)
Spal, il Napoli vuole Lazzari (Foto Ansa)

Ferrara, 21 marzo 2019 - Manuel Lazzari ha definitivamente attratto le attenzioni del Napoli. Carletto Ancelotti non ne fa mistero: nel suo piano di rinforzi per il Ciuccio 2019-2020 l’esterno della Spal è ai primissimi posti. E’ possibile di qui all’estate che si scateni altra bagarre, ma senz’altro il ds Giuntoli è stato il primo a piazzare il tackle con decisione.

L’indiscrezione esce proprio da Napoli, assieme al dettaglio che il club di De Laurentiis trova oneroso corrispondere alla Spal 20 milioni in un’unica soluzione, e chiede di poter pagare in due tranches. Quel che è certo è che Lazzari è ormai un vip del campionato italiano. Dopo l’infortunio gli è bastata una prestazione per riprendersi la Spal. E tutti si sono accorti di questo ragazzo che, per dirla con Capello, «è incomprensibile non sia stato notato prima anche dalle nostre nazionali». Chi di Lazzari non si è perso una partita sin dalla C2 può peraltro testimoniare come Manuel si sia fatto oltre le più rosee aspettative, di anno in anno, con progressione costante ma graduale, sino a diventare l’Inafferrabile che è ora.

Proprio ieri il sito specializzato tuttomercatoweb ha piazzato Manuel all’ottavo posto della Top 100 del rendimento nella serie A di questa stagione, alla pari con Blaise Matuidi, e alle spalle soltanto di celebratissimi campioni quali Cristiano Ronaldo, Quagliarella, Zapata, Milik, insomma i primi cannonieri del torneo. Un ulteriore riconoscimento, uno dei tanti.

Il piano B del Napoli curiosamente è il quasi omonimo Walter Lazaro, esterno destro austriaco dell’Hertha Berlino, classe 1996. Il Napoli potrebbe tentare di abbattere parzialmente le pretese della Spal con una contropartita tecnica.

Da escludere i troppo costosi e troppo pagati giocatori a disposizione di Ancelotti: l’unico potrebbe nel caso essere il ’96 Luperto, difensore centrale mancino ex Empoli, 6 presenze quest’anno. Da escludere anche Inglese, se la Spal si salva nel ruolo ha già Petagna. Da Parma appare complicato riavere in prestito Grassi: il prossimo anno sarà rispedito a giocare visto che questo lo ha perso, ma facilmente rimarrà a Parma. Un prospetto da considerare è Gennaro Tutino, talentuoso esterno alto-trequartista-seconda punta classe 1996, 8 gol in B (e 7 lo scorso anno) nelle file del Cosenza. Qualcosa di buono c’è nella Primavera azzurra, a partire da Gianluca Gaetano, erede designato di Lorenzo Insigne, un numero 10 del 2000 che la prossima estate sarà prestato in A.