Joe Tacopina sarà il presidente con pieni poteri
Joe Tacopina sarà il presidente con pieni poteri

Ferrara, 4 luglio 2021 - Dieci milioni. Che peso possono avere dieci milioni sul povero mercato di serie B dell’estate 2021? Nella bufera finanziaria causata dalla pandemia di Covid, si può ipotizzare che valgano quasi il doppio, rispetto a uno qualsiasi dei mercati condotti sino a un paio di anni fa.
Ebbene, dieci milioni rappresentano la cifra che la cordata di Joe Tacopina intende riversare subito, come budget di primo anno, nelle trattative per iniziare a costruire una Spal competitiva quanto basta per provare a raggiungere la serie A.

Spal-Tacopina, accordo in dirittura a giorni - Club in bilico tra l’attuale proprietà e Tacopina 

Si comincia a saperne di più, dunque, sul progetto. E le indiscrezioni filtrano perchè a questo punto si è davvero imboccato il rettilineo d’arrivo. L’avvocato americano sarà a Ferrara il 7 luglio per firmare il contratto di acquisto con la famiglia Colombarini, che renderà immediatamente operativa la nuova dirigenza. Serviranno tempi tecnici di un mese ancora per formalizzare del tutto il closing, e per quello si andrà ad agosto. Ma si tratta giusto di un cavillo legale, di una procedura standard. Quel che conta è che, a meno di ormai imprevedibili sorprese, Tacopina sarà subito al lavoro per edificare una Spal da prime posizioni. Non è detto che in un anno di totale rifondazione si possa immediatamente centrare la chimica giusta: anche ai Colombarini servirono un paio di stagioni per trovare la quadra e risalire, al di là della promozione “di massa” seguita alla cancellazione della C2.

Ma di sicuro ci si vorrà battere subito per i piani alti, e dieci milioni di investimenti dovrebbero garantire minimo minimo l’ingresso nei playoff, anche se si sa che nel calcio non basta spendere, bisogna pure spendere bene, e avere fortuna. Per quanto riguarda i ruoli, Tacopina non intende operare rivoluzioni. E’ ormai certo che Giorgio Zamuner rimarrà direttore sportivo anche nel nuovo corso, e Andrea Gazzoli direttore generale. Gazzoli e Tacopina si conoscono da quando il primo lavorava per il Vicenza e il secondo era presidente del Venezia. Lavoreranno con Pep Clotet e il suo staff per una Spal all’altezza della situazione. Anche nelle precedenti avventure italiane Joe operò allo stesso modo. Predilige valutare le persone per il loro lavoro, piuttosto che portare amici degli amici. Dante Scibilia è il suo uomo di fiducia, e tanto dovrebbe bastare.

Joe sarà il presidente con pieni poteri. Gli altri investitori, anche qui secondo costume, gli conferiranno ogni delega operativa. Al momento giusto usciranno poi allo scoperto. Ma bisognerà quantomeno attendere che le operazioni di closing vengano portate a termine. Col Monza però ancora non c’è accordo sulla cifra. E infatti nei giorni scorsi la Spal ha ufficializzato soltanto le cessioni di Bonifazi e Berisha.