Il ds Vagnati con il portiere Viviano (foto dal sito web della Spal)
Il ds Vagnati con il portiere Viviano (foto dal sito web della Spal)

Ferrara, 7 gennaio 2019 - In casa Spal non vi sono certezze. Nel mercato di gennaio sono tanti i movimenti, ma anche tanti gli avversari da battere. In uscita, i punti fermi sono rappresentati da Vanja Milinkovic-Savic (il Torino lo girerà all’Ascoli) e da Johan Djourou, desideroso di ritornare in Svizzera: per lui è forte il pressing del Basilea. Mentre Everton Luiz è ufficialmente un giocatore del Real Salt Lake (prestito con diritto di riscatto fino al 31 dicembre 2019), prosegue il corteggiamento dell’Hellas Verona per Filippo Costa; su Pasquale Schiattarella, invece, dopo il Benevento, ha iniziato a chiedere informazioni anche il Frosinone. Un altro nome in partenza da Ferrara pare essere quello di Lorenco Simic: la Sampdoria è pronta a girarlo all’Hajduk Spalato. Sulla vicenda Napoli-Lazzari, trapelano le prime cifre: il club partenopeo avrebbe offerto 13 milioni, ma la Spal ne vuole 22. In entrata, invece, la concorrenza è molto agguerrita. Per il reparto difensivo, i nomi caldi sono quelli di Marco Andreolli e Giuseppe Pezzella: il classe 97 dell’Udinese è, però, oggetto del desiderio anche di Genoa e Chievo. Grifone spina nel fianco dei biancazzurri anche per arrivare al laziale Alessandro Murgia, mentre proprio il rossoblù Gianluca Lapadula – in cima alla lista dei desideri della Spal – è richiesto anche dall’Empoli. Sul taccuino di Vagnati, il nome caldo è quello di Ezequiel Schelotto (ora in forza al Brighton, in Premier League), anche se non è escluso un assalto al Chievo per arrivare a Emanuele Giaccherini. Più complicata, invece, la strada che porta a Cyril Thereau: l’attaccante viola non vuole spostarsi da Firenze ed è, comunque, oggetto anche delle mire di Bologna, Chievo e Cagliari. Emiliano Viviano, intanto, ha scelto la maglia numero 2.

Matteo Langone