Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Lazzari, sì è tutto vero: convocato da Mancini in Nazionale

Tra i 31 convocati per gli impegni con Polonia e Portogallo c’è anche il laterale di Semplici. Un sogno che diventa realtà. Dalla serie D alla Nazionale in pochi anni

Ultimo aggiornamento il 1 settembre 2018 alle 21:56
Manuel Lazzari pronto per il ritiro di Coverciano

Ferrara, 1 settembre 2018 - Un sogno che diventa realtà Manuel Lazzari, il motorino di mister Semplici, è tra i 31 giocatori convocati da Mancini per gli impegni contro Polonia e Portogallo. Una notizia che arriva a poche ore dalla partita di Torino dove la Spal scenderà in campo con 6 punti maturati grazie alla doppia vittoria nei derbi con Bologna e Parma. Le sorprese del Mancio sono il portiere del Cagliari Cragno, e soprattutto lo spallino Lazzari, autore di una scalata irresistibile dalle serie minori alla Nazionale, poi il viola Biraghi, il giovane giallorosso Zaniolo, l’ex genoano Pellegri, mentre Barella è passato nella Nazionale maggiore dalla Under 21. Manu, come lo chiamano tutti in città, dalla baby tifosa al pensionato più accanito, è un ex sconosciuto. Nel senso che nel 2012, quando approdò alla Giacomense era un fuscello che correva come un Bolt bianco, ma aveva i piedi un po’ così. Sulla fascia volava, non sempre riusciva a indovinare l’ultimo passaggio. Veniva dalla D, dal Delta Porto Tolle. Arriva a Masi San Giacomo (Seconda Divisione) e inizia a correre. A testa bassa. Nella passata stagione è stato uno dei pochissimi a tenere testa a Douglas Costa. Nel 2013 la Giacomense acquisisce il titolo della Spal; in panca arriva Leonardo Rossi. C’è un piccolo problema: Rossi non si schioda dal 4-4-2 e sulla fascia preferisce Jurgen Pandiani. Stesso nome di Klinsmann, ma destino in altre serie. La svolta arriva a metà stagione. Rossi perde il posto e a Ferrara arriva Massimo Gadda. Il modulo passa al 3-5-2. Lazzari corre, dribbla e crossa. Deve però subire un’altra parentesi della vita con Oscar Brevi allenatore nel 2014. Gioca a strappi. La Spal annaspa in una Lega Pro che la vede gregaria. Brevi viene esonerato, al suo posto Leonardo Semplici. A Ferrara cambia il mondo. Semplici trascina la Spal dalla Lega Pro alla serie A. Lazzari è la benzina di una macchina che non si ferma più. Titolare fisso in Lega Pro, serie B e A. L’anno scorso due gol. Pochi anni fa era smarrito tra i nebbioni del Delta, adesso terminata la gara col torino volerà a Coverciano. Per vestire per la prima volta la maglia della Nazionale.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.