Il Kleb chiude il cerchio con Niccolò Filoni. E’ arrivata ieri l’ufficialità dell’approdo a Ferrara dell’aquilano classe 2001, ala reduce da una stagione a Rieti nel girone Ovest. Con Filoni, il mercato biancazzurro si conclude, consegnando nelle mani di coach Leka un roster bilanciato e competitivo "Ho...

Il Kleb chiude il cerchio con Niccolò Filoni. E’ arrivata ieri l’ufficialità dell’approdo a Ferrara dell’aquilano classe 2001, ala reduce da una stagione a Rieti nel girone Ovest. Con Filoni, il mercato biancazzurro si conclude, consegnando nelle mani di coach Leka un roster bilanciato e competitivo "Ho risposto subito alla chiamata di Ferrara perché mi è sembrata davvero una squadra buona e organizzata, che punta molto sulla crescita individuale dei giovani – spiega il neo biancazzurro –. Un contesto molto competitivo, in cui posso mettermi alla prova affiancato da compagni forti ed esperti da cui avrò tanto da imparare. Non ho pretese di minutaggio, so di dover ancora imparare tantissimo, di dover migliorare sotto tanti aspetti".

Il contesto con cui entrerà in contatto è di un gruppo consolidato e un roster concluso in tempi rapidi.

"Per me ci potrà avvantaggiare questa costruzione anticipata. Perché penso ci sarà un po’ di ritardo nella ripartenza e avremo dunque modo e tempo per fare aggiustamenti con calma e farci trovare pronti per l’inizio della stagione".

Quanta voglia ha di tornare su un campo da basket?

"Tantissima. È chiaro che la ripresa a porte chiuse leverebbe molto di quella spinta competitiva che solo il pubblico sa dare. Ma la voglia c’è ed è tanta".

Ha mai affrontato prima Ferrara sul campo?

"No, ma sono molto vicino alla città perché mia cugina e i miei zii sono di Ferrara, so che è una città viva, molto bella, universitaria, mi sento che andrà veramente bene questa avventura".

Francesco Zuppiroli