Un arrivo del Giro

Ferrara, 9 maggio 2018 - Manca davvero pochissimo alla tappa che vedrà Ferrara, città della bicicletta, vestirsi di rosa per dar il via alla tredicesima frazione del Giro d’Italia il prossimo 18 maggio. Tappa che da Ferrara porterà la carovana allo strappo finale di Nervesa della Battaglia per poi lanciarli, l’indomani nell’inferno dello Zoncolan. Stamattina nella bella cornice di sala giunta a palazzo comunale si è dunque iniziato a svelare tappa, eventi collaterali ed iniziative, rimarcando quanto la corsa rosa sia importante non solo per le attività economiche ma anche per un lancio turistico della città diverso da quello solito e legato ad arte e cultura.

Giro d'Italia 2018, tappa 5: le pagelle di Angelo Costa

«Abbiamo deciso di aderire alle forti richieste del Giro per allargare le proposte turistiche di Ferrara - ha detto il vicesindaco Massimo Maisto - la presenza del Meis in città è stato uno dei forti motivi per i quali il Giro ha chiesto questa partenza». «È servito un anno di lavoro dei nostri uffici - ha continuato l’assessore Simone Merli - il Giro è un investimento qualificante e giusto per la città, le da valore aggiunto e la mostrerà al mondo». Presenti anche i vertici di Ascom, Uisp, Visit Ferrara, Confesercenti e Dodici Eventi che hanno rimarcato l’importanza di puntare anche sulla promozione cicloturistica che in Italia conta oltre 5 milioni di appassionati e che, a Ferrara, territorio piatto, catturerebbe tutti i target di persone.

Giro d’Italia però significa anche strade e zone chiuse fin dal giorno prima, dal centro città fino ad arrivare al parcheggio ex Mof che sarà riservato alla carovana. Chiuso al traffico anche viale Cavour, dove vi sarà il via ufficioso per arrivare in via Padova allo start ufficiale. In centro ci sarà il cuore pulsante del Giro con aree riservate ai corridori ma anche il villaggio aperto a tutti. Diverse le iniziative preparate dalla sinergia creatasi tra le realtà del territorio, in attesa della tappa: menu rosa ispirati al Giro, vetrine a team, il 16 maggio la riapertura del velodromo di Ferrara con giochi di inseguimento ed eliminazione ma anche la possibilità di provare bici Gravel e da corsa, il 17 il concorso fotografico alla caffetteria del castello e la pink night e il 18, pre corso in bici di educazione stradale ai giardini 23 maggio e negozi aperti fino a tarda sera. E il Giro sta già mostrando i suoi frutti, facendo già registrare numeri importanti di presenze negli hotel.

Tappa 1