Quotidiano Nazionale logo
4 mag 2022

Mai due vittorie di fila Spal, chiudi in bellezza

A Benevento venerdì sera il pronostico sulla carta sembra chiuso, ma la squadra di Venturato può regalarsi senza pressioni un finale più bello

La vittoria più importante della stagione è arrivata sabato scorso al Mazza, un successo tanto bello quanto pesante che ha permesso di tagliare il traguardo-salvezza con una giornata di anticipo. Alla fine del campionato però resta ancora una partita, che la Spal ha il dovere di onorare nonostante l’obiettivo già raggiunto.

Inutile dire che il pronostico è tutto dalla parte del Benevento. Sarebbe stato così pure con la permanenza in serie B dei biancazzurri ancora in bilico, quindi è evidente che in molti diano quasi per scontata la vittoria della squadra di Caserta. I sanniti sono quinti in classifica in coabitazione col Brescia: non hanno più la possibilità di volare direttamente in serie A, ma hanno tutto l’interesse a fare bottino pieno per migliorare la propria posizione nella griglia playoff e lasciarsi alle spalle le due sconfitte consecutive (contro Ternana e Monza) che hanno spezzato – almeno momentaneamente – il sogno promozione.

Le streghe però devono innanzitutto fare mea culpa, perché dopo una grande rimonta hanno perso il recupero sul campo del pericolante Cosenza, per poi steccare clamorosamente in casa contro una Ternana che non aveva più obiettivi concreti. Sono stati giorni burrascosi in casa Benevento, col presidente Vigorito che ha preso in considerazione anche l’ipotesi di cambiare allenatore (sono stati accostati alla panchina giallorossa Cosmi, Liverani e Zenga) per poi rinnovare la fiducia a mister Caserta.

È chiaro però che il tecnico non possa permettersi un passo falso con la Spal, con l’eventuale settimo posto che sarebbe da considerarsi quasi un fallimento per una squadra costruita senza badare a spese per puntare senza indugi alla promozione diretta. Dalle parti di via Copparo invece la marcia di avvicinamento all’ultima giornata di campionato è decisamente più tranquilla. Chiaramente Vicari e compagni non possono essere affamati come una settimana fa, ma mister Venturato e la dirigenza hanno raccomandato alla squadra di non staccare la spina. Dando continuità alla prestazione sfoderata col Frosinone e magari strappare un risultato positivo. Del resto, la salvezza non ha cancellato il percorso in altalena che ha caratterizzato l’intera stagione, con tanti giocatori chiamati a battere un colpo per convincere la dirigenza a confermarli.

E poi c’è un dato abbastanza incredibile da provare a cancellare in extremis: dall’inizio del campionato, la Spal non ha mai vinto due gare consecutive. Dopo il successo sul Pordenone arrivò il pareggio col Monza, mentre successivamente ad una vittoria è sempre seguita una sconfitta.

In fondo, i biancazzurri non hanno nulla da perdere, e congedarsi da questa serie B con un successo così sorprendente sarebbe uno straordinario biglietto da visita in attesa in vista della prossima stagione.

Stefano Manfredini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?