Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
29 mag 2022

Mesola in finale a Massa Lombarda Centese obbligata a vincere fuori

In Promozione tre formazioni in lizza per playoff e playout. Al ’Merighi’ Casumaro favorito con la Solierese

29 mag 2022
La Centese deve ribaltare lo 0-1 dell’andata (Foto Business Press)
La Centese deve ribaltare lo 0-1 dell’andata (Foto Business Press)
La Centese deve ribaltare lo 0-1 dell’andata (Foto Business Press)
La Centese deve ribaltare lo 0-1 dell’andata (Foto Business Press)
La Centese deve ribaltare lo 0-1 dell’andata (Foto Business Press)
La Centese deve ribaltare lo 0-1 dell’andata (Foto Business Press)

Trasferta a Massa Lombarda (ore 16.30) da outsider per il Mesola. I castellani sono sfavoriti, avendo a disposizione solo la vittoria per vincere lo spareggio playoff e guadagnarsi il diritto a un posizionamento di primo piano in caso di rinuncia da parte di qualche società. In riva al Po le difficoltà non spaventano: "Non siamo per nulla intimoriti – scandisce infatti il presidente del Mesola, Massimo Modena –, anzi non vediamo l’ora di scendere in campo e confrontarci con loro. Abbiamo il vantaggio di non aver niente da perdere e la testa libera. Ricordo che anche nella partita precedente, a Sant’Alberto con il Reno, eravamo svantaggiati, ma siamo riusciti a ribaltare i pronostici". In campionato il Massa Lombarda ha chiuso alle spalle della Comacchiese, staccata di un solo punto e una decina in più dei castellani. Il bilancio tra le due squadre è in equilibrio: 1-0 a Mesola e 2-0 in Romagna.

"E’ l’unica squadra che ci ha messo sotto per un’intera partita. E’ una squadra costruita per vincere il campionato, forte in ogni reparto, può fare affidamento sul capocannoniere del girone, Deraj, ma non sempre i più forti vincono". E’ l’ultimo atto anche per la salvezza, che vede in competizione le due centesi. La più avvantaggiata è il Casumaro, che ha vinto a Soliera in gara uno di misura e ha a disposizione due risultati su tre. Sarà ancora senza attaccanti di ruolo (Ciarlantini, Evali e Azzouzie), ma Vinci ha dimostrato di avere il fiuto del gol; in più torna a disposizione al centro della difesa il capitano Benini. Oltre tutto la bilancia di quanto fatto in campionato pende dalla parte dei rossoblù: un pareggio per 1-1 e poker ai rivali. "Ai play out si vive di presente – tiene il punto il direttore sportivo Sergio Sfargeri –, la partita di ritorno al "Merighi" prevedo sarà completamente diversa. La Solierese partirà forte per sbloccare il risultato, per poi cercare la zampata nel secondo tempo. Dovremo giocare con attenzione, non speculare, ma provare a imporre il nostro gioco. Sotto il profilo tecnico la mia squadra ha qualcosa in più, ma in una partita secca può succedere di tutto".

Centese alla ricerca dell’impresa a San Cesario. Al "Bulgarelli" i biancocelesti hanno lasciato l’intera posta, perdendo di misura, evidenziando i soliti problemi in zona gol. In gara due Di Ruocco può sorridere: torna a disposizione il capocannoniere della squadra, Carpeggiani. Il presidente biancoceleste Alberto Fava ci crede: "Diceva Nereo Rocco: chi ha paura resti negli spogliatoi; nessuno dei miei ragazzi scenderà in campo con timore. Abbiamo perso in casa, ma la salvezza è ancora possibile, bisogna però vincere ed esprimerci con la stessa determinazione messa in mostra nelle ultime partite prima dei play out. Domenica non ho potuto andare in tribuna, ci sarò invece a San Cesario, probabilmente andrò in panchina a soffrire con i ragazzi. A Polinago aveva portato fortuna, spero si possa fare il bis con l’Atletico SPM".

Franco Vanini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?