Sella, una festa con Nardò. Nicolai e Condello candidati

Serie A2: domani ultima giornata alla Baltur Arena e contatti sul fronte gm. Oltre al gm bolognese dei salentini, incontro con l’ex dirigente della Viola.

Sella, una festa con Nardò. Nicolai e Condello candidati

Sella, una festa con Nardò. Nicolai e Condello candidati

Il manager, bolognese, di Nardò Renato Nicolai, che tra oggi e domani la dirigenza biancorossa potrà vedere personalmente alla vigilia del match tra Sella Cento e appunto la formazione salentina, è un nome caldo in queste ore per il ruolo di general manager nella città del Guercino per la prossima stagione.

Un nome tenuto in considerazione al pari dell’esperto Mario Ghiacci, in uscita da Trieste, e dell’outsider Nicolas Panizza, già visto all’opera a San Severo. Ma attenzione all’eventuale quarto nome, che nel ’casting’ in atto per la scrivania biancorossa potrebbe scalare posizioni. Si tratta del calabrese, ma trapiantato a Bologna, Gaetano Condello, trascorsi da gm proprio nella Viola Reggio Calabria. A breve dovrebbe parlare con la dirigenza biancorossa e il suo nome circola nella stanza dei bottoni. Domani alla Baltur Arena, oltre alla partita di basket, si terrà poi un concerto dalle 15 in poi, con protagonisti Numb, Il Solito Dandy e i Disco Club Paradiso, già ospiti degli Halftime Show di AtmosfHera della stagione. Inoltre, durante l’evento, gli stessi artisti saranno chiamati a gestire un’asta con in palio le maglie da gioco celebrative dei sessant’anni, l’incasso sarà devoluto in beneficenza. E a seguire il match, che è stato presentato ieri da Matteo Mecacci.

"Carlos Delfino sta facendo tutti gli accertamenti del caso, mi auguro non sia niente di serio, mi spiacerebbe se non giocasse l’ultima partita, è stato uno dei nostri segreti – spiega il coach –. Andremo in campo per salutare il nostro palazzo e il nostro pubblico. Sarà una giornata di festa, l’iniziativa del concerto organizzato porterà tanta gente, per consolidare un rapporto con una tifoseria che ha già dimostrato grande passione e grande senso di appartenenza. Abbiamo raggiunto un livello mai visto prima, l’A2 a venti squadre non è paragonabile ai campionati precedenti, anche per questo motivo deve essere una festa".

Continua a leggere tutte le notizie di sport su