Quotidiano Nazionale logo
16 apr 2022

Spal, corsa salvezza ad handicap Viviani deve operarsi alla caviglia

Forfait del regista, che scrive: "Le ho tentate tutte ma ho dovuto arrendermi. Carico per la prossima stagione"

Un’espressione di Viviani, che saluta dando appuntamento alla prossima stagione
Un’espressione di Viviani, che saluta dando appuntamento alla prossima stagione
Un’espressione di Viviani, che saluta dando appuntamento alla prossima stagione

La Spal sarà costretta a giocare le ultime quattro gare di campionato senza Federico Viviani, la cui stagione è quindi da considerarsi già finita. Una pessima notizia per mister Venturato, che perde il proprio giocatore più rappresentativo nel momento decisivo della corsa salvezza. Da diverse settimane il regista biancazzurro conviveva con problemi alla caviglia che gli impedivano di allenarsi e giocare con continuità. Lo staff tecnico ha provato a centellinare l’utilizzo del numero 77, che in più di un’occasione è sceso in campo stringendo i denti. Ma il dolore non accennava ad attenuarsi, fino alla decisione di intervenire chirurgicamente ufficializzata ieri mattina dal club di via Copparo.

"La situazione clinica del calciatore Federico Viviani necessita di un intervento in artroscopia per la risoluzione del problema alla caviglia destra riacutizzatosi nel corso delle ultime settimane – si legge nella nota diffusa dalla Spal –. Data e luogo dell’intervento non sono ancora stati fissati, ma le tempistiche di programmazione saranno strette per garantire al giocatore di recuperare velocemente e rientrare in campo alla ripresa degli allenamenti in corrispondenza del ritiro estivo. In attesa dell’intervento, Viviani proseguirà con terapie ed esercizi di rinforzo insieme allo staff medico ed atletico biancazzurro".

Enorme il rammarico del playmaker della Spal, che contava di riuscire a terminare il campionato conducendo alla salvezza la squadra di Venturato. "Non doveva assolutamente finire così questa stagione – commenta Viviani su Instagram –. Mi ero sempre immaginato di concludere questo campionato al fianco dei miei compagni, lottando fino all’ultimo respiro. Ho cercato di fare di tutto fino all’esasperazione per non mollare: purtroppo a volte nel calcio come nella vita ci sono cose che non possiamo controllare e alla fine ho dovuto arrendermi. Ma adesso c’è da pensare a queste quattro partite per raggiungere il nostro obiettivo tutti insieme, e poi ripartire più carichi che mai per la prossima stagione".

Viviani quindi è già proiettato al prossimo campionato, che salvo imprevisti lo vedrà ancora indossare la maglia della Spal. Il numero 77 ha infatti un altro anno di contratto, e per quanto mostrato nel corso della stagione merita senza dubbio la conferma.

Viviani ha giocato 21 gare di serie B da protagonista, mettendo a segno quattro reti tanto belle quanto pesanti. Oltre a servire diversi assist e a rappresentare un punto di riferimento costante per i compagni. Ora il testimone passa ad Esposito, che ha la possibilità di dimostrare di che pasta è fatto raccogliendo la pesante eredità di Viviani. L’alternativa è Zanellato, che non è però un regista naturale. Più probabilmente verrà utilizzato nel ruolo di mezz’ala, con Esposito perno centrale e uno tra Da Riva e Pinato a completare la linea mediana.

Stefano Manfredini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?