Quotidiano Nazionale logo
8 mag 2022

Spal, sarà un ribaltone Col ds Lupo, anche Ortoli

Entrambi hanno lavorato a Venezia con Tacopina, il secondo è ancora a Cittadella dove è un pilastro da anni. Così, anche Tarantino è in uscita

Il dialogo tra Tacopina e i due direttori (nella. foto, Lupo) è in fase avanzata
Il dialogo tra Tacopina e i due direttori (nella. foto, Lupo) è in fase avanzata
Il dialogo tra Tacopina e i due direttori (nella. foto, Lupo) è in fase avanzata

Si profila un vero e proprio ribaltone negli uffici di via Copparo, dove oltre al direttore sportivo Giorgio Zamuner e al suo braccio destro Ivone De Franceschi – entrambi in scadenza di contratto – si appresta a dire addio al club biancazzurro pure Massimo Tarantino. Anche il direttore dell’area tecnica è legato alla Spal soltanto fino al 30 giugno 2022, ma fino a poco tempo fa il suo rinnovo appariva scontato. Del resto, a differenza di Zamuner e De Franceschi che già lavoravano a Ferrara la scorsa stagione, Tarantino era stato voluto espressamente dal presidente Tacopina che adesso però ha in mente una rivoluzione dell’area tecnica. Con Fabio Lupo nuovo direttore sportivo e Armando Ortoli destinato a completare lo staff degli uomini-mercato biancazzurri. Non sarebbe certo la prima volta che Lupo e Ortoli sono chiamati a lavorare fianco a fianco. È accaduto per esempio qualche anno fa a Venezia, guarda caso alla corte di Joe, che ha già preso contatti coi due direttori pescaresi per portarli presto nella nostra città. Dopo la burrascosa separazione con l’Ascoli, che anche grazie al suo lavoro ha concluso il campionato con un brillante sesto posto ed ora rappresenta la mina vagante dei playoff, Lupo quindi con tutta probabilità comincerà una nuova avventura dietro la scrivania della Spal. In coppia con Ortoli, che a differenza di Lupo attualmente sta lavorando. Nel Cittadella, dove affianca il direttore generale Stefano Marchetti, da una vita pilastro e artefice dei successi del club granata. Ortoli ha cinque anni meno di Lupo, col quale ha in comune la città natale (Pescara) e soprattutto è legato da una profonda amicizia e stima reciproca. Ortoli aveva iniziato la stagione nei panni di direttore sportivo del Brescia, ma si è ritrovato nel bel mezzo di un ribaltone societario, col presidente Cellino che ha riorganizzato lo staff dirigenziale più volte in una manciata di mesi. A quanto pare, il dialogo tra Tacopina e i due direttori è in fase avanzata. Anzi, è da considerarsi in dirittura d’arrivo, tanto che l’annuncio potrebbe arrivare già la settimana prossima. Rimane una grossa incognita il futuro degli attuali uomini-mercato, soprattutto Tarantino e Zamuner. Per quanto riguarda De Franceschi invece, si parla con insistenza di un trasferimento al Novara. Non resta quindi che attendere conferme dal presidente Tacopina, che non vede l’ora di varare il nuovo progetto sportivo biancazzurro.

Stefano Manfredini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?