Spal, Tacopina è in città. Tanti nodi da sciogliere

Il presidente biancazzurro deve risolvere in primis la questione Di Taranto. Poi in programma l’incontro con Casella, probabile direttore dell’area tecnica. .

Spal, Tacopina è in città. Tanti nodi da sciogliere

Spal, Tacopina è in città. Tanti nodi da sciogliere

di Stefano Manfredini

È l’ottavo lunedì dalla fine del campionato, terminato senza la coda dei playoff e dei playout regalando l’opportunità di iniziare la programmazione della nuova stagione con largo anticipo. Un sacco di tempo prezioso che la Spal ha sciupato, rimandando all’infinito le decisioni più importanti che a meno di un mese dalla partenza per il ritiro di Mezzana non sono ancora state prese. L’unico punto fermo è l’iscrizione al campionato di serie C, arrivata nell’ultimo giorno utile non senza patemi. Un torneo di Lega Pro che la Spal disputerà con la zavorra di tre punti di penalizzazione, in seguito al deferimento del club di via Copparo per il ritardo nel versamento delle ritenute Inps e Irpef. Poteva andare peggio, se si considera quello che è accaduto in casa Ancona, ma non è stato certamente un bel segnale. Il nodo del direttore sportivo è noto da almeno un paio di mesi: inizialmente si pensava che si dovesse attendere la fine dei playoff di serie C e B (era circolato il nome di Andrea Colombino della Torres e soprattutto quello di Giuseppe Magalini del Catanzaro), ma il mirino poi è stato spostato su un profilo diverso, l’emergente Alex Casella. Sotto contratto con la Pro Vercelli, e quindi impossibilitato a spostarsi immediatamente a Ferrara. Come se non bastasse, probabilmente la Spal sarà costretta a intervenire pure nella figura del direttore generale, perché Corrado Di Taranto è allettato dalla possibilità di trasferirsi dietro la scrivania del Cesena in serie B.

Le settimane sono passate senza arrivare ad alcuna soluzione. Fino all’extrema ratio: rinviare ogni decisione all’arrivo di Joe Tacopina. Il presidente ha raggiunto Ferrara ieri sera, e tra domani e mercoledì dovrebbe effettuare gli incontri decisivi per mettere ordine e fare chiarezza sul fronte direttivo, organizzativo e tecnico. In maniera particolare, Joe si confronterà con Casella e Di Taranto, rispettivamente principale candidato ad assumere il ruolo di direttore dell’area tecnica e direttore generale che ultimamente ha tenuto le redini della società ma destinato a lasciare Ferrara per salire di categoria. Si attendono quindi nel giro di qualche giorno la fumata bianca con Casella e novità sulla posizione di Di Taranto, che nel caso andrebbe subito sostituito. Tacopina resterà a Ferrara circa una settimana, nel corso della quale ci si augura possa svelare anche i programmi e gli obiettivi della prossima stagione. Il popolo biancazzurro è frustrato e arrabbiato all’ennesima potenza: un progetto solido e serio, comunicato in maniera chiara e schietta, è la condizione imprescindibile per ripartire al timone della Spal in un mare che più agitato non si può.

Continua a leggere tutte le notizie di sport su