Joe Tacopina durante una recente inscursione a Ferrara dove tornerà ai primi di luglio
Joe Tacopina durante una recente inscursione a Ferrara dove tornerà ai primi di luglio
Ferrara, 18 luglio 2021 - Joe Tacopina ha rotto gli indugi, presentando alla famiglia Colombarini la propria offerta per rilevare la Spal. Proprio così, ieri l’avvocato di New York ha formulato la proposta di acquisto dell’intero pacchetto societario che ovviamente adesso il club di via Copparo dovrà valutare con attenzione. Se non altro, ora le intenzioni dell’ex presidente di Bologna e Venezia sono chiare: ha abbandonato definitivamente la trattativa col Catania – tramontata innanzitutto a causa della grave situazione debitoria della società etnea – puntando dritto sulla Spal....

Ferrara, 18 luglio 2021 - Joe Tacopina ha rotto gli indugi, presentando alla famiglia Colombarini la propria offerta per rilevare la Spal. Proprio così, ieri l’avvocato di New York ha formulato la proposta di acquisto dell’intero pacchetto societario che ovviamente adesso il club di via Copparo dovrà valutare con attenzione. Se non altro, ora le intenzioni dell’ex presidente di Bologna e Venezia sono chiare: ha abbandonato definitivamente la trattativa col Catania – tramontata innanzitutto a causa della grave situazione debitoria della società etnea – puntando dritto sulla Spal.

Aggiornamento Spal, avanti coi Colombarini. Almeno per ora

Spal tra immobilismo e silenzi assordanti - Bucchi: "Contatti con i biancazzurri. Sarebbe bello" Ma l’arrivo del mister è ancora molto lontano

E non si tratterebbe di un ingresso in punta di piedi affiancando l’attuale proprietà con una quota di minoranza. Tacopina – assieme ad un gruppo di investitori statunitensi dei quali ancora non si conosce l’identità – vuole acquisire il 100% del club biancazzurro, entrando al centro sportivo di via Copparo dalla porta principale. L’avvocato italo-americano fa sul serio, ed è fiducioso sulla conclusione positiva dell’operazione. Adesso la palla passa inevitabilmente alla famiglia Colombarini, negli ultimi giorni incalzata duramente dalla tifoseria spallina.

La proprietà ha chiaramente aperto alla possibilità di cedere la società, ma non ha alcuna intenzione di svenderla. Si tratta quindi di capire se l’offerta formulata da Tacopina coincide – o quantomeno si avvicina – con la richiesta di Francesco e Simone Colombarini. In questi casi, è difficile sbilanciarsi sulla tempistica dell’eventuale fumata bianca. Anche perché non si può escludere che la prima proposta possa venire rifiutata, aspettandone un’altra più in linea con la valutazione della proprietà.

Non resta che attendere, però Tacopina non vuole perdere tempo. Anzi, avrebbe già organizzato il prossimo viaggio nel nostro Paese. Direzione Ferrara, naturalmente. Entro una ventina di giorni infatti l’avvocato tornerà nella nostra città per incontrare la famiglia Colombarini e risolvere personalmente i vari nodi di una trattativa molto complessa. È evidente però che la Spal non può aspettare tre settimane per cominciare a gettare le basi per la prossima stagione. Quasi tutte le squadre di serie B ormai hanno l’allenatore e fissato sede e date del ritiro estivo, decisioni che il club biancazzurro probabilmente sarà chiamato a prendere in autonomia. Riservandosi poi di proseguire parallelamente la trattativa con Tacopina, a meno che la proposta formulata dall’avvocato di New York non induca la famiglia Colombarini ad accelerare i tempi per il passaggio di proprietà. Tutto sommato, considerando che il primo incontro tra le parti è avvenuto meno di due settimane fa, l’operazione è decollata velocemente. Del resto, il campionato di serie B è alle porte, e a prescindere dagli sviluppi societari adesso il popolo biancazzurro pretende che si cominci a correre.