Unieuro Forlì-Zeus Rieti (foto Salieri)
Unieuro Forlì-Zeus Rieti (foto Salieri)

Forlì, 3 maggio 2019 - Dopo quello di Rieti, ‘tiene’ anche il fattore campo Unieuro Arena, dove la Pallacanestro 2.015, in gara3, ha avuto la meglio di Rieti per 89-64. Una gara tutta in discesa per i padroni di casa, fatta eccezione per un breve passaggio nel terzo quarto. Ora, con i laziali avanti 2-1 nella serie, si torna in campo già domenica per gara4: appuntamento alle ore 18, sempre in via Punta di Ferro.

Avvio di match tutto di marca forlivese: difesa particolarmente accorta e fisica, manovra offensiva in cui la palla gira alla perfezione e, trascinata da un Marini a dir poco ispirato, l’Unieuro vola in un amen sul +6 (9-3). Il manipolo degli italiani reatini (Jones e Jackson totalmente in ombra) tiene la barra dritta limitando per quanto possibile i danni (14-8 dopo 7’), poi, però, è dominio Forlì. Sì, perché la Pallacanestro 2.015 trova punti davvero da tutti, addirittura da Flan con un’ottima tripla aperta, e, in apertura di seconda frazione, scappa via sul +24: 34-10 dopo 12’30”, con l’ennesima pennellata dall’arco di Marini. Vantaggio che, di fatto, rimarrà immacolato fino alla pausa lunga, con le due squadre che vanno negli spogliatoi sul 46-25.

Nel terzo quarto si assiste all’inattesa ed ‘assurda’, per quanto visto, rimonta reatina. Gli uomini di coach Rossi, condotti interamente dal proprio manipolo di italiani, si riporta infatti incredibilmente a contatto, arrivando a toccare il -10 (65-55) in apertura di ultimo quarto. Ma qui, proprio quando l’inerzia del match pare invertita, la risposta dell’Unieuro è da grande squadra. Si serrano le fila in difesa, punti di riferimento precisi e costanti in attacco e parziale di 16-0 che, sull’81-55 a 5’ dalla fine, chiude definitivamente il match.