Stefano Saletti e Banda Ikona
Stefano Saletti e Banda Ikona

Forlimpopoli (Forlì-Cesena), 21 agosto 2019 - Protagonista, ancora una volta, sarà la musica popolare ed etnica, e quest’anno in particolar modo, i suoni, i ritmi e le parole dal mondo. Dalla lingua franca dei porti, al sardo contemporaneo, dai popoli gaelici al tango rioplatense, artisti e canzoni riuniti sotto lo stesso cielo romagnolo, per celebrare la cultura musicale popolare e la bellezza della diversità.

In apertura, nella serata di venerdì 23 agosto alle 20.30 nel cortile interno della rocca, il concerto dell’artista cagliaritana Noemi Balloi. La cantautrice sarda canterà i brani del suo ultimo lavoro inedito ‘Tramas’, suonando il piano, accompagnata da Stefano Mulas al basso elettrico, Roberto Bernardini alla chitarra classica e Matteo Gallus al violino. A seguire si esibirà Stefano Saletti e la Banda Ikona, in ‘Sabir’, un itinerario sonoro per raccontare i suoni delle città di frontiera del mediterraneo. Stefano Saletti, polistrumentista, sarà accompagnato dalla Banda Ikona: Mario Rivera (bassista leader degli Agricantus), Giovanni Lo Cascio (percussioni e batteria nei Novalia, negli Agricantus e leader del progetto Aksak di musica balcanica) e Gabriella Aiello (voce).

Sabato 24 agosto torna sul palco di Forlimpopoli Héctor Ulises Passarella insieme all’ensemble del Centro del bandoneòn di Roma in un concerto di musica Rioplatense. La musica rioplatense è la musica di Montevideo e Buenos Aires: il Tango. Passarella terrà poi una conferenza ‘Ulises racconta Ulises’ la domenica pomeriggio alle 17 alla corte interna di Casa Artusi, mentre alle 19 si esibiranno i Bevano Est. Per tutto il periodo del festival sarà possibile visitare presso il Museo Archeologico di Forlimpopoli al mostra fotografica ‘Il suono di Forlimpopoli’ a cura di Marco Tadolini. Gli ingressi ai concerti sono a pagamento.