Quotidiano Nazionale logo
13 apr 2022

Bambini e disabili, i volti della solidarietà

Si avvicina Pasqua: numerose iniziative per Pediatria, ed è partita la Fondazione Caffè Salato insieme a CavaRei

Si conferma la vocazione solidale di Forlì, ancora più intensa nel periodo pasquale. Le colorate uova di Pasqua di Ail anche quest’anno sono arrivate in Pediatria. Infatti, Ascom Confcommercio Forlì ha scelto, per il terzo anno consecutivo, di donare ai piccoli pazienti l’uovo di cioccolato dell’associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma. Sempre a proposito di uova di Pasqua: per il terzo anno, il commercialista forlivese Stefano Biordi sostiene Ail regalando le uova di cioccolato dell’associazione benefica a medici e infermieri dell’unità di Pneumologia dell’ospedale.

Lions Club Forlì Host ha completato il service ‘Un sensore per la vita’ donando proprio al reparto di Pediatria dispositivi medici per il controllo della glicemia nei bambini: si tratta di un ricevitore, due trasmettitori e tre sensori. Le strumentazioni donate permettono l’inserimento di un piccolo sensore sotto la cute dei bimbi diabetici che misura continuamente i livelli di glucosio e invia i dati in tempo reale a un dispositivo di visualizzazione permettendo così di intervenire immediatamente.

Si è concluso con grande successo ‘L’altro flamenco’, l’evento di musica e danza organizzato dal comitato consorti del Rotary Club Forlì Tre Valli col patrocinio dell’Ausl Romagna e della Fondazione Dino Zoli per sostenere la raccolta fondi a favore del reparto di Pediatria dell’Ospedale Morgagni-Pierantoni, nell’ambito del progetto ‘Musicoterapia in corsia’.

Uno spazio di Forlì, intanto, è tornato a splendere per scopi non solo sportivi: si tratta della bocciofila che, un anno dopo aver subito danni e vandalismi che l’avevano costretta a chiudere, ha riaperto le porte del bocciodromo del parco Incontro in via Ribolle: inaugurata la ripresa delle attività sportive con il primo torneo.

A Cava Rei, infine, è nata la fondazione Caffè Salato, un progetto pensato per dare aiuto alle persone disabili che fanno riferimento al centro e che hanno bisogno di pensare al loro futuro anche una volta che i genitori non ci saranno più. Tra le iniziative previste c’è l’attivazione di uno sportello di consulenza legale per progettare insieme a professionisti la vita di domani.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?