Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
3 mag 2022

Castrocaro, c’è il progetto per sanare piazza Martelli

Da molto l’area in pieno centro è in stato di degrado e si chiedono interventi. Il sindaco Tonellato ha incontrato gli abitanti e illustrato i piani. Si punta al Pnrr

3 mag 2022

Piazza Martelli a Castrocaro versa da anni in un profondo degrado. Nel tempo da più parti si sono levati appelli per il recupero dell’area, composta da un’imponente scalinata affacciata su un’ampia fontana. Tra i primi a mobilitarsi, il leader del comitato cittadino per il centro storico Alessandro Bombardini, residente nel borgo antico e organizzatore di banchetti come rappresentante di Fratelli d’Italia (quando commissario provinciale era Roberto Petri), per sensibilizzare sul tema gli abitanti.

Sabato scorso il sindaco Marianna Tonellato, il vice William Sanzani e l’assessore Patrizia Campacci, in corsa per la riconferma alla guida del governo cittadino, hanno incontrato gli abitanti di piazza Martelli, via Abate Mini e via Maltoni per presentare il progetto di fattibilità del restauro della piazza, assieme agli architetti Alberto Ridolfi e Daniela Orioli. "La piazza da decenni versa in una situazione di ammaloramento dovuto alle acque fognarie e alla presenza della fontana – la premessa della Tonellato –, perciò l’intervento è molto atteso dalla città".

Il primo progetto dei due architetti riguarda "non solo la facciata della piazza e il rifacimento degli intonaci e della scalinata, ma anche delle vie sovrastanti e sottostanti, al fine di definire, una volta per tutte, la situazione idrica". Il piano punta poi sull’estetica delle arcate, utilizzabili in futuro in occasione di eventi e mercati, quindi di marciapiedi e pavimentazione. "La piazza sarà arricchita da decori che faranno alzare lo sguardo verso il borgo superiore". Prevista poi una illuminazione più moderna ed efficiente, anche dal punto di vista energetico.

Ancora da ‘rastrellare’ i fondi per portare a termine un progetto piuttosto oneroso. "Andranno reperite risorse esterne che siamo convinti di ottenere nei prossimi mesi grazie al Pnrr – specifica il sindaco –. Il progetto di fattibilità ora nelle mani dell’Amministrazione, suddiviso in più stralci, è il punto di partenza fondamentale per dare, dopo tanti anni, concretezza alla sua realizzazione".

Soddisfazione è stata espressa da Bombardini. "Saranno eliminate vasca e fontana, mentre le arcate verranno accorpate due a due – commenta il leader del comitato cittadino per il centro storico –. Apprezzabile il rifacimento delle fogne in via abate Mini e lodevole l’intero progetto che contempla tra l’altro l’impiego geometrico di pietre di diverso colore nel parcheggio". Un intervento ritenuto indispensabile dai residenti anche per la tutela della pubblica incolumità.

Francesca Miccoli

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?