Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
12 apr 2022

Confcommercio: "Montanino, occasione storica"

Il presidente Crociani critico sull’ex vivaio: "Le idee pervenute finora denotano schemi troppo rigidi"

12 apr 2022
gilberto mosconi
Cronaca
L’area ex vivaio forestale di Montanino a Bagno di Romagna
L’area ex vivaio forestale di Montanino a Bagno di Romagna
L’area ex vivaio forestale di Montanino a Bagno di Romagna
L’area ex vivaio forestale di Montanino a Bagno di Romagna
L’area ex vivaio forestale di Montanino a Bagno di Romagna
L’area ex vivaio forestale di Montanino a Bagno di Romagna

di Gilberto Mosconi

La Confcommercio di Bagno di Romagna, con una nota del presidente Giuseppe Crociani, torna sul tema della grande area pubblica dell’ex vivaio forestale ’Montanino’, situata nella zona nord del paese termale. Un’area, ora libera, per la quale il Comune ha in progetto, per il suo sviluppo e riqualificazione, la realizzazione di vari servizi per le attività turistiche, di promozione e valorizzazione del territorio, per varie attività sportive e amatoriali, per servizi annessi e collegati, e per altre attività.

"A distanza di un anno dalla pubblicazione delle linee guida per la riqualificazione del Centro sportivo comunale di zona Vigne e del vicino ex vivaio, - esordisce Crociani - dopo la pubblicazione del progetto vincitore e dopo numerosi interventi pubblici e tavole rotonde, Confcommercio di Bagno solleva ancora tutte le perplessità circa le indicazioni emerse. Prima di tutto ribadiamo che ci troviamo di fronte ad un’area che può veramente cambiare e migliorare la storia del nostro territorio, l’ultima grande area a disposizione per pensare a nuovi servizi, nuove attività e nuovo sviluppo. Chiedemmo a suo tempo di investire in un bando europeo alla ricerca di progetti ambiziosi, liberi di ottimizzare gli spazi secondo direttrici politiche precise ma aperte. Le idee pervenute hanno denotato invece una scarsa possibilità di movimento all’interno di schemi evidentemente troppo rigidi, che hanno portato a soluzioni simili e monotematiche. Se era questa la volontà del Comune ci permettiamo di dissentire".

Crociani entra nei dettagli: "Gli spazi sportivi andati in malora andavano recuperati, ma crediamo altresì che questi fossero sufficienti a soddisfare le esigenze dei cittadini e dei turisti, avendo nel frattempo l’Amministrazione portato a termine riqualificazioni importanti come il campo polivalente di S. Maria a S.Piero, il campetto in erba sintetica nei giardini di via Lungosavio a Bagno, il campetto dei Bordoni a S.Piero, e, in ogni modo, anche il progetto della nuova palestra comunale a S. Piero. Risposte importanti alle esigenze della comunità, ma non le uniche. L’arrivo di nuovi investitori ha evidenziato, nonostante tutto, l’appeal del nostro territorio, e dato ad esso nuove idee di sviluppo. Confcommercio di Bagno afferma che è necessario recuperare e sviluppare nel migliore dei modi e nella sua interezza il Centro sportivo di zona Vigne a Bagno, lasciando una porta aperta per uno spazio, quello dell’ex vivaio, che potrebbe essere oggetto di investimenti anche privati, in grado di incrementare sia i servizi che nuovi posti di lavoro, fondamentali per la crescita del nostro Comune".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?