Quotidiano Nazionale logo
7 mag 2022

Controlli e multe, a rischio tangenziale e Cervese

La polizia locale: "Sono quelle dove gli automobilisti corrono di più". Rispettivamente 17 e 16 sanzioni. In generale 48 non rispettavano i limiti

Le strade dove questa settimana gli automobilisti hanno rispettato meno i limiti di velocità? Tangenziale e Cervese. Qui gli agenti della polizia locale, questa settimana, hanno multato rispettivamente 17 e 16 persone per il mancato rispetto dei limiti. Complessivamente la polizia locale ha multato 48 persone per eccesso di velocità, 10 per mancato utilizzo della cintura di sicurezza, 8 per utilizzo irregolare del telefonino alla guida e 7 per mancate precedenze a utenti deboli (pedoni e disabili tra questi).

Questi numeri sono il frutto di 45 posti controllo disseminati nelle strade cittadine. Tra quelle oggetto del monitoraggio ci sono, oltre alle già citate tangenziale e via Cervese, via Ravegnana, via Lughese, viale Bologna e via Firenze. "Nel complesso – è il ragionamento che fa il vice comandante della polizia locale cittadina, Andrea Gualtieri –, abbiamo fatto più multe in quelle strade dove si registra il numero più alto di incidenti". Come annunciato nei giorni scorsi la polizia locale ha intensificato i controlli nelle strade più a rischio in concomitanza con le ’Giornate della Sicurezza Stradale’, che hanno riguardato il periodo compreso tra martedì e ieri. L’impegno degli agenti proseguirà la prossima settimana, con controlli specifici sulla velocità degli autoveicoli lunedì in via Campo degli Svizzeri, martedì in tangenziale e via Del Partigiano, mercoledì in via XIII Novembre e via Lughese; giovedì in viale Roma, via del Bosco e via Erbosa per finire, sabato, in via Decio Raggi, Cervese e via Brasini.

Nella giornata di ieri, che come detto ha chiuso le ’Giornate della Sicurezza Stradale’, gli agenti hanno fatto ’scuola’ a un centinaio di ragazzi di tutte le età, incontrati nella sala Europa della Fiera di Forlì (il comando della polizia locale si trova a pochi metri, sempre in via Punta di Ferro). Davanti a rappresentanti di Aci, Ufficio scolastico provinciale, del vicesindaco con delega alla sicurezza, Daniele Mezzacapo, e del presidente di Asaps, Giordano Biserni, i ragazzi hanno potuto ascoltare la testimonianza del 35enne riminese Miscel Forgione, che a causa di un incidente in moto nel 2010 ha perso l’uso delle gambe. Gli studenti hanno potuto poi provare in prima persona come cambia le percezione della realtà quando si è ubriachi, indossando gli occhiali speciali già utilizzati per iniziative simili. "I ragazzi delle medie – aggiunge Gualtieri –, hanno provato il simulatore di guida, mentre quelli più piccoli hanno fatto in aula attività di prevenzione".

Luca Bertaccini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?