di Oscar Bandini E’ morto a 77 anni Emilio ‘Lillo’ Nanni di Corniolo. Uomo poliedrico, appassionato di cavalli e dello sci, era originario di Biserno dove i suoi genitori Agostino ed Elena vivevano prima di trasferirsi durante la guerra a Corniolo. Studi al liceo classico poi una laurea in agraria e per alcuni anni lavora preso l’Ente Delta Padano prima del salto in una grande azienda faentina dove ha ricoperto fino alla pensione ruoli...

di Oscar Bandini

E’ morto a 77 anni Emilio ‘Lillo’ Nanni di Corniolo. Uomo poliedrico, appassionato di cavalli e dello sci, era originario di Biserno dove i suoi genitori Agostino ed Elena vivevano prima di trasferirsi durante la guerra a Corniolo. Studi al liceo classico poi una laurea in agraria e per alcuni anni lavora preso l’Ente Delta Padano prima del salto in una grande azienda faentina dove ha ricoperto fino alla pensione ruoli dirigenziali.

E’ stato un conservatore illuminato, Nanni, molto legato alle sue radici montanare, alle tradizioni e con un forte senso della famiglia e della religione. Prime esperienze politiche con la DC ed in seguito un breve passaggio con il centrodestra, era stato tra i fondatori della Pro loco di Corniolo negli anni ‘60.

Consigliere comunale a Santa Sofia dal 1970 al 1980, nel corso degli anni, era riuscito a creare una vasta rete di contatti con l’intento di promuovere e valorizzare i territori dell’alto Bidente. Si sposò nel 1965 con Vincenza Fiorentini, tre figlie (Elena, Elisabetta e Maria Giulia), uno stuolo di nipoti e un legame profondissimo con il fratello Teodorico e la sorella Maria Concetta.

Insieme al maestro Ezio Monti diede vita all’Accademia musicale della Romagna Toscana e dal 1995 ideò le celebrazioni per far conoscere Papa Pasquale II con incontri storici, culturali, concerti, rievocazioni in costume, attività con le scuole e la pubblicazione della rivista ‘La Squilla di Bleda’. Da questa esperienza nascerà in seguito l’Accademia Pasquale II.

Nanni non si è mai dimenticato degli ultimi. Entrato nel 1996 nell’Ordine dei Cavalieri di Malta, era diventato capo area per l’Italia del nord del Cisom la struttura della protezione civile dell’Ordine intervenendo in più occasione a favore delle popolazioni terremotate. Inoltre dedicava molto tempo a favore degli ammalati che si recano al santuario di Lourdes come ospitaliere, oltre ad essere delegato italiano dell’ordine di San Clemente di Siviglia. Nanni ha collaborato anche alla gestione della parrocchia di S. Pietro come ‘accolito’. La sua ultima creatura la nascita del centro culturale Pasquale II.

I funerali avranno luogo oggi alle 15,30 con la messa nella chiesa di S. Pietro, poi Nanni sarà sepolto nella tomba di famiglia a Biserno.