Quotidiano Nazionale logo
22 apr 2022

Donne vittime di mobbing, le leggi ora ci sono

[Segue dalla prima]

Non lo fa per paura, stante i rapporti squilibrati di potere nelle organizzazioni, dove in particolare le ragazze (pur mediamente più istruite) hanno di fatto meno opportunità di ingresso, di contratti a tempo indeterminato e di carriera. La ratifica da parte dello Stato italiano della Convenzione Ilo 190, in vigore da giugno 2021, ha rafforzato gli strumenti di tutela contro il mobbing, segnando una svolta tutta da verificare e applicare. La Convenzione è infatti la più completa norma internazionale per una lotta integrata a questi comportamenti odiosi e dannosi, in quanto richiede interventi puntuali di prevenzione, informazione e formazione che coinvolgano l’intero mondo del lavoro, dalle istituzioni alle imprese. Applicarla richiede un impegno molto serio e corale. In Emilia-Romagna, in forza della nostra legge quadro per la parità 62014 il nuovo piano contro la violenza sulle donne della Regione ha inserito per la prima volta azioni specifiche di tutela, formazione e di monitoraggio contro violenze e vessazioni, allargando la propria rete di protezione alla consigliera di Parità regionale e all’Ispettorato del lavoro. Serve insomma un’alleanza fortissima per diffondere la cultura della prevenzione di tutto ciò che è mobbing; e che stiamo imparando a conoscere meglio anche grazie a testimonianze come quella offerta da Emanuela, sorella di Sara Pedri, la ginecologa scomparsa dopo essere stata vittima di un contesto lavorativo mobbizzante che ha letteralmente spento la sua vitalità. Gli abusi e prevaricazioni sul lavoro ci sono sempre stati. La differenza è che oggi abbiamo le parole per definirli, per riconoscere, stigmatizzare e infine, superare, comportamenti di violenza che sono inaccettabili per la dignità umana. La tragica esperienza di Sara e l’impegno prezioso di Emanuela ci aiuteranno a rendere ancora più efficaci gli strumenti a nostra disposizione.

Roberta Mori, portavoce

donne Democratiche dell’Emilia-Romagna

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?