Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
4 ago 2022
4 ago 2022

Due giorni dedicati alle malattie polmonari

Il 9 e 10 settembre torna ‘Sharing Breath’: il clou sabato sera con la musica del maestro Sabiu e dei Sonhora

4 ago 2022
Il sindaco Gian Luca Zattini e il primario Venerino Poletti, al centro, insieme agli organizzatori della manifestazione
Il sindaco Gian Luca Zattini e il primario Venerino Poletti, al centro, insieme agli organizzatori della manifestazione
Il sindaco Gian Luca Zattini e il primario Venerino Poletti, al centro, insieme agli organizzatori della manifestazione
Il sindaco Gian Luca Zattini e il primario Venerino Poletti, al centro, insieme agli organizzatori della manifestazione
Il sindaco Gian Luca Zattini e il primario Venerino Poletti, al centro, insieme agli organizzatori della manifestazione
Il sindaco Gian Luca Zattini e il primario Venerino Poletti, al centro, insieme agli organizzatori della manifestazione

Anche quest’anno, Forlì sarà la capitale italiana del respiro: ospiterà, infatti, per il quarto anno, la manifestazione ’Sharing Breath’, prevista nelle giornate di venerdì 9 e sabato 10 settembre, con l’obiettivo di finanziare la ricerca nel campo delle malattie polmonari e in particolare le patologie rare. Una manifestazione importante, perché le patologie polmonari, quelle che ’tolgono il respiro’, sono in aumento: sia per la maggiore capacità diagnostica, che rende possibile riconoscerle con maggiore precisione e tempestività, sia per le condizioni ambientali che ne favoriscono l’insorgenza. Ed è proprio grazie alla ricerca che oggi sono possibili percorsi terapeutici che danno una speranza ai malati.

Ed è grazie alla ricerca e ai finanziamenti che negli anni l’hanno sostenuta, che l’ospedale di Forlì può intestarsi la messa a punto di una rivoluzionaria metodologia diagnostica, basata sulla ‘criobiopsia’. "È una metodologia assolutamente innovativa e non invasiva, che consente la diagnosi con l’aiuto di una cryosonda che raggiunge i polmoni – spiega il professor Venerino Poletti, direttore del Dipartimento Malattie dell’Apparato Respiratorio e Torace e tra i fondatori dell’associazione Morgagni Malattie Polmonari –. Inoltre, ora siamo un ospedale universitario e questa è una grande opportunità per la città e per la ricerca".

La manifestazione gode del sostegno di tante associazioni ed enti pubblici e privati, come l’associazione Morgagni Malattie Polmonari, l’Unione Trapiantati di Padova, la Lega italiana Fibrosi Cistica, oltre alla Fiera di Forlì e tanti altri. E non mancano enti europei, come l’European Pulmonary Fibrosys Federation. "Questi patrocini – dice Stefano Pavanello, presidente dell’Unione Trapiantati di Padova – ci danno visibilità anche all’estero".

Questa edizione si articolerà in due giornate fitte di appuntamenti. Il 9 settembre si parte con una videoconferenza presso l’ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì, con l’intervento di esperti e medici da tutta Italia, oltre alle testimonianze di pazienti affetti da patologie polmonari rare e trapiantati. La giornata si chiuderà nel chiostro di San Mercuriale con la ‘Cena del respiro’, finalizzata alla raccolta fondi. Sabato 10 settembre piazza Saffi diventerà il palcoscenico del ‘Villaggio del respiro’, con punti informativi gestiti dalle associazioni che sostengono l’evento e presso i quali effettuare test gratuiti del cammino e spirometrie. Nel pomeriggio si sfideranno, allo stadio Morgagni, in un triangolare di calcio, le squadre dell’ospedale Morgagni-Pierantoni, quella dei ’Lasciami Correre’ e l’Associazione sportiva Ferrari F1 Solidarietà. Culmine della manifestazione sarà ‘La not(t)e dei respiri’, nel corso della quale il maestro Marco Sabiu darà vita al ‘Breathe Together’, cioè un minuto di "respiro consapevole". Sul palco, oltre al maestro, il gruppo musicale dei Sonhora. Gli attori Beatrice Buffadini e Mattia Filippelli interpreteranno un testo di Luca Bollini dal titolo ‘L’acchiapparespiri’. Per il sindaco Gianluca Zattini "è un onore ospitare anche quest’anno la manifestazione. Il nostro è un ospedale dove si fa ricerca, innovazione".

Paola Mauti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?